MENU
Chiudi
09/08/2018

Ponte sul Giovenco, «è un disastro»

Il Messaggero

BISEGNA
Cedimento strutturale del ponte sul fiume Giovenco, con sospensione della circolazione stradale. Interrotta l'unica arteria che assicura la diretta e più breve comunicazione, tra le comunità della Valle del Giovenco e dell'Alta Valle del Sangro, nonché i centri della Valle Subequana e della Valle Peligna. Il sindaco di Bisegna, Antonio Mercuri, con delibera, chiede sostegno ai comuni di Pescasseroli, Opi e Ortona dei Marsi, affinché si attivino in azioni politico-istituzionali, tese a condurre a soluzione, la grave problematica. Sulla questione, interviene Silvano Di Pirro, segretario provinciale Prc, che invita gli organi preposti, ad attuare le procedure di somma urgenza, previste. «Ancora in alto mare la riapertura della Provinciale 17 del Parco- afferma Di Pirro- nonostante la perizia tecnica, individui la soluzione sia a breve che a medio termine, per la messa in sicurezza del ponteo, il problema persiste. I disagi per i cittadini della Valle del Giovenco e dell'Alto Sangro, diventano ogni giorno più pesanti. Non c'è più tempo da perdere e attuando le procedure di somma urgenza, prevista dal codice degli appalti, e con lo spirito di costruttori di ponti evocato da Papa Francesco, bisogna risolvere il problema». Il sindaco Mercuri, mette in luce i disagi che sta comportando la sospensione del transito veicolare sulla strada in questione. In primis, le ripercussioni negative dal punto di vista turistico. Si dice preoccupato per la gestione degli interventi di soccorso a persone. A quanto pare, uno dei medici di base, residente in un centro dell'Alto Sangro, incontrerebbe difficoltà nel raggiungere le sedi di lavoro nei comuni di Bisegna e Ortona, con conseguente, potenziale rischio, di non poter assicurare in modo ottimale, le prestazioni ambulatoriali.
Sonia Paglia
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore