MENU
Chiudi
04/01/2019

Ponte Magliana, pronti i lavori «Limiti al traffico per 5 mesi»

Il Messaggero - R.Tro.

LA MANUTENZIONE
Al via la gara: oltre un milione e mezzo per mettere in sicurezza le parti ammalorate Durante i cantieri corsie a doppio senso di marcia e carreggiate ridotte LA CHIUSURA COMPLETA DELLA SEDE STRADALE È STATA PREVISTA SEPARATAMENTE SUI DUE TRATTI OPPOSTI E AVVERRÀ DI NOTTE DOPO IL CROLLO DEL MORANDI A GENOVA IL MONITORAGGIO DELLA STRUTTURA AVEVA EVIDENZIATO LESIONI E DEGRADO
Ponte della Magliana, dopo il monitoraggio, al via la gara d'appalto per far partire al più presto i cantieri. Il progetto per la messa in sicurezza entra con il 2019 nella fase operativa. Dopo la tragedia di Genova dell'agosto scorso, il viadotto era finito tra le strutture "sorvegliate speciali": a causa degli evidenti segni di degrado dovuti all'età e alla scarsa manutenzione erano emersi lesioni e fenomeni di rottura. Il costo per la manutenzione straordinaria del ponte e del viadotto della Magliana è pari a 1.520.382 euro; 150 i giorni di lavoro previsti. La messa in sicurezza eseguita su incarico del Dipartimento Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione urbana (Simu) del Comune prevede la sostituzione dei giunti di dilatazione, degli appoggi (spalle e impalcati) e il ripristino della funzionalità dei sistemi dei drenaggi alla luce di diverse criticità rilevate, che vanno «dall'ammaloramento significativo dei dispositivi di appoggio dovuto a infiltrazione d'acqua; inefficienza del sistema di raccolta delle acque; evidenti deformazioni in corrispondenza dei giunti di dilatazione; ammaloramento diffuso sia del calcestruzzo che dell'acciaio dovuto all'incendio del 2017 e all'infiltrazione dell'acqua». L'intervento prevede la sostituzione di tutti gli apparecchi di appoggio deteriorati, un nuovo sistema di smaltimento acque, la sostituzione dei giunti di dilatazione, il ripristino delle parti deteriorate dall'incendio avvenuto in corrispondenza del lato Eur. LE CRITICITÀ Un degrado evidente, dovuto a scarsa manutenzione, dalle spalle ai dispositivi mobili, che ha messo in allarme i cittadini e spinto l'Amministrazione a correre ai ripari. Constatando le seguenti criticità: fenomeni di rottura, dispositivi mobili fortemente ammalorati, degrado dei materiali delle campate lato Eur esposti all'incendio del 2017, corrosione e degrado delle barre di acciaio più esterne, del calcestruzzo, dei piatti di acciaio d'appoggio. Gli interventi prevedono la sostituzione di tutti gli apparecchi di appoggio in malora (spalle e "seggiole Gerber"); la realizzazione del sistema di smaltimento delle acque; la sostituzione dei giunti di dilatazione; il ripristino delle parti deteriorate a causa dell'incendio avvenuto in corrispondenza della spalla lato Eur, e a causa della percolazione delle acque meteoriche che ha corroso il calcestruzzo in cor` rispondenza dei giunti e degli apparecchi di appoggio. LA CIRCOLAZIONE Le operazioni da eseguire per i lavori di manutenzione straordinaria del ponte della Magliana sono state pensate in modo tale da avere la minima interruzione del traffico assicura il Comune. Quando possibile, le lavorazioni che interesseranno la piattaforma stradale saranno eseguite su una corsia per carreggiata, in modo tale da mantenere aperto il traffico sulla corsia non interessata dai lavori. «Le uniche lavorazioni che prevedono la chiusura della sede stradale sono quelle di sollevamento ed abbassamento degli impalcati per la sostituzione dei dispositivi di appoggio. Il rifacimento della sovrastruttura stradale è stato previsto separatamente sulle due carreggiate e sarà eseguito in due notti successive durante le quali sarà chiuso il traffico sulla carreggiata di interesse. Oltre a questi 4 giorni non consecutivi, non sono previste altre chiusure totali. Nelle fasi che prevedono la demolizione delle zone nelle vicinanze dei giunti è stata prevista una "rampa" in acciaio per consentire comunque il passaggio delle vetture durante l'esecuzione dei lavori riguardanti le fasi successive. Verrà inoltre disposta una segnaletica e delle barriere provvisorie che verranno rimosse al termine delle operazioni di interesse. La prima fase dei lavori consisterà nella rimozione dei giunti in corrispondenza degli appoggi mobili e nell'idrodemolizione delle mensole che collegano gli impalcati con le spalle. Successivamente saranno posate delle piastre d'acciaio sopra i varchi realizzati per consentire il passaggio dei veicoli». © RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: Dopo il monitoraggio, al via la gara d'appalto per mettere in sicurezza il ponte e il viadotto della Magliana: previsti 5 mesi di cantieri

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore