scarica l'app
MENU
Chiudi
10/03/2020

Pompieri volontari Fondi dalla Regione per tre distaccamenti

Eco di Bergamo - fabrizio boschi

Il contributo Treviglio e Romano, 25 mila euro ciascuno A Lovere 9 mila. Per il capoluogo della Bassa saranno spesi per gli impianti idraulici, poi l'ampliamento
Dalla Regione Lombardia arriva un contributo a fondo perduto di 59 mila euro, destinato a tre distaccamenti dei vigili del fuoco volontari della nostra provincia: 25 mila euro andranno a Treviglio, altrettanti a Romano e novemila a Lovere. Il finanziamento rientra nel bando regionale che stanziava complessivamente sul territorio lombardo un milione di euro. A Treviglio, la cui sede è prossima alla riqualificazione, la delibera è stata accolta con soddisfazione dal comandante dei vigili del fuoco, Ettore Premoli: «Abbiamo ottenuto il massimo che il bando concedeva: lo utilizzeremo per rinnovare tutti gli impianti idraulici, in attesa che il resto della ristrutturazione dell'edificio venga eseguita dal Comune». L'Amministrazione di Treviglio, come ribadito martedì sera in Consiglio comunale dal sindaco Juri Imeri, ha infatti predisposto un progetto che prevede l'adeguamento antisismico di tutta la struttura ospitante le sedi di vigili del fuoco, Croce Rossa Italiana, Protezione civile e Nucleo sommozzatori volontari, ma soprattutto l'ampliamento dell'ala riservata ai pompieri.

Quest'ultimo disegno è stato sottoposto all'attenzione del Comando provinciale, che ha concesso il nullaosta: ora attende di essere concretizzato per la seconda metà dell'anno. L'investimento complessivo da 600 mila euro è inserito nel capitolo del Piano delle opere pubbliche 2020-2022, rientrante del Documento unico di programmazione (Dup) triennale: 200 mila euro saranno destinati alla sistemazione della sola caserma dei vigili del fuoco. In pratica, oltre al rifacimento del tetto, si andrà a operare sui locali dove al piano rialzato trovano ora spazio la centrale operativa, uffici, servizi, spogliatoi e sala pranzo e riunioni. Qui sarà ampliata la zona spogliatoio con annesse docce, che avrà una nuova entrata dalla rimessa dei mezzi. Nel contesto dell'intervento rientra anche lo sfruttamento dell'analoga porzione di struttura da 180 metri quadri posta al primo piano dello stabile, dove ci sono due appartamenti occupati. Qui, stando al progetto, saranno ricavati una sala riunioni, camere da letto per i volontari in attività e due bagni: la rimessa manterrà invece la sua ampiezza. Il distaccamento trevigliese, che conta 23 volontari e nove mezzi, ha competenza su 16 Comuni bergamaschi della Pianura, oltre a Cassano d'Adda, in provincia di Milano, Rivolta d' Adda e Vailate, nell'Alto Cremasco.