MENU
Chiudi
13/09/2018

Policlinico, tempi certi Entro ottobre le aree

Il Mattino di Padova

IL DOPPIO POLO
Entro fine ottobre dovrà esserci la cessione delle aree per dare il via libera al progetto del nuovo ospedale a Padova Est. «La dead line è ormai fissata» ha sottolineato il presidente del Veneto Luca Zaia, «entro il 31 ottobre la partita sulle aree si chiude, il preliminare è già firmato, manca il passaggio davanti al notaio. Onestamente sarebbe straordinario se a questo punto le cose non andassero in questo senso». Il governatore vede quindi la strada in discesa, almeno per quanto riguarda questa fase ancora molto preliminare al progetto. Diversa la posizione quando si affronta il tema dei tempi di realizzazione dell'opera: «Fossimo a casa nostra chiameremo domani l'impresa e il cantiere aprirebbe e magari ogni tanto andremo a controllare che tutto preceda come ci piace. La verità è che la burocrazia che esiste in questo paese imbriglia qualsiasi progetto in lunghi, complessi e snervanti iter . I tecnici mi dicono che non ci possono volere meno di otto anni. E forse è una previsione ottimistica. A Treviso un progetto da 250 milioni (meno di un terzo di quanto costerà il nuovo ospedale di Padova, ndr) abbiamo iniziato 10 anni fa». Quindi l'appello: «Serve una burocrazia più snella, un codice degli appalti nuovo, non si può legiferare supponendo che dietro ogni carriola di malta ci sia un ladro. Vanno bene le leggi severe e chi sbaglia, i corrotti e i corruttori devono finire in galera, ma non si possono condannare le opere a tempi biblici. Un ospedale progettato oggi e finito fra 15 anni è c'è vecchio». --E.L.

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore