scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
28/04/2021

Più che una corsa sembra un maratona legislativa Ecco tutte le leggi che servono per l’attuazione

La Gazzetta di Parma

La scheda
Roma Un vero e proprio tour de force: la consegna del Piano di ripresa e resilienza a Bruxelles entro il 30 aprile rappresenta solo il punto di partenza per governo e Parlamento che in 8 mesi, da maggio a fine anno, dovranno produrre 11 provvedimenti legislativi, tra decreti, riforme e deleghe. A maggio tre decreti: Semplificazioni, Governance e Pubblica amministrazione Tutti i ministeri dovranno lavorare a ritmi serratissimi per consentire la concreta realizzazione delle centinaia di progetti del Recovery Plan. Il primo appuntamento in agenda è quello con il decreto Semplificazioni, che il governo si è impegnato con Bruxelles ad adottare entro la prima settimana di maggio. Insieme al decreto sulla Governance e a quello che introdurrà le procedure straordinarie per il reclutamento nella pubblica amministrazione - in calendario sempre entro maggio - questi provvedimenti prepareranno la cornice entro cui andranno «messi a terra» gli investimenti. Nel decreto Semplificazioni ci sarà l ' accelerazione della Via - la valutazione di impatto ambientale con apposita commissione statale - per tutti i cantieri che ricadono nel perimetro del piano (compresi, quindi, quelli finanziati con il fondo complementare), la proroga al 2023 delle norme sugli appalti e contro la «fuga dalla firma» che scadono a fine anno, la revisione delle norme tecniche per l ' accesso al Superbonus. Arriveranno anche le norme che distribuiscono le responsabilità dell ' attuazione del Recovery, e probabilmente anche quelle per snellire le procedure contabili per i fondi agli enti locali. Riforma della giustizia tra giugno e settembre Tra giugno e settembre il ministero della Giustizia e il Parlamento saran-

Foto: Ritmi serratissimi Su alcuni argomenti la maggioranza è tutt'altro che compatta


Foto: Governo e Parlamento dovranno produrre in soli 8 mesi 11 provvedimenti