scarica l'app
MENU
Chiudi
10/11/2019

«Piscina, le condotte anomale vanno avanti dal lontano 2014»

La Sicilia

La polemica. I consiglieri Pd rispondono a Vitale e denunciano cosa non va nell ' impianto «Il gestore si sarebbe arricchito in modo indebito ma nessuno ha controllato»
LAURA CURELLA " Ci dispiace che il consigliere Daniele Vitale, mandato in avanscoperta, abbia deciso di indossare i panni di avvocato difensore del sindaco e che sulla vicenda della piscina comunale, da noi messa in rilievo, abbia deciso di sviare l ' attenzione dell ' opinione pubblica puntando i riflettori sui servizi offerti dall ' impianto, evitando, piuttosto, di scendere nel dettaglio dei rapporti tra la cooperativa che gestisce la struttura e il personale che vi opera " . Sono i consiglieri comunali del Pd Mario D ' Asta e Mario Chiavola a controreplicare alle dichiarazioni del collega Vitale. " E ' bene ribadire, piuttosto - continuano D ' Asta e Chiavola - che l ' anomalia denunciata sta nel mancato rispetto da parte del gestore del capitolato speciale d ' appalto che all ' art. 4 - importo del servizio - prevede che l ' assunzione del personale deve essere per 31 ore settimanali invece delle 28 ore settimanali che il gestore applica nei contratti di lavoro. L ' anomalia denunciata sta nel fatto che il gestore applica tale condotta dal lontano 2014. E, ancora, l ' anomalia denunciata sta nel fatto che, nonostante l ' Amministrazione comunale abbia l ' obbligo vincolante ed imprescindibile di vigilare affinché le prescrizioni contenute nel bando di gara siano dal gestore rispettate, non si è mai preoccupata di controllare. E, continuiamo ancora, l ' anomalia denunciata sta nel fatto che nonostante la prima segnalazione/denuncia da parte dell ' avvocato che difende i lavoratori sia datata 28 agosto 2019, l ' amministrazione si è preoccupata di chiedere spiegazioni al gestore solo dopo che lo stesso avvocato ha fatto pervenire una seconda segnalazione/denuncia lo scorso 4 ottobre 2019. Diciamo anche che l ' anomalia denunciata sta nel fatto che il gestore ha continuato a rendicontare mensilmente all ' amministrazione comunale 31 ore settimanali per ogni lavoratore (nove), che la stessa ha regolarmente riconosciuto e liquidato generando, pertanto, con un tale comportamento un indebito arricchimento per il gestore e un danno erariale per le casse comunali. Se ne sono capaci, il sindaco e il consigliere Vitale rispondano e si assumano la responsabilità di ciò che sta succedendo in piscina e non solo, dato che le anomalie procedurali, in questa amministrazione, ormai sono diventate un pericoloso continuum " . l

Foto: La piscina comunale di contrada Selvaggio