scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
06/04/2021

«Piscina, lavoratori non pagati da 4 mesi e il Comune non fa nulla»

Il Mattino di Padova - Patrizia RossettiGianni Biasetto

selvazzano: Le accuse della Cgil
SELVAZZANOFrancesco Campa, segretario provinciale Fillea Cgil, spiega i motivi che hanno indotto la ditta Elettrica Sistem di Cava dei Tirreni ad abbandonare il cantiere dove si stanno realizzando le piscine Bud Spencer a Tencarola di Selvazzano.«I lavoratori della Elettrica Sistem che sta eseguendo le opere per conto del Consorzio stabile Build Scarl di Roma, che ha vinto l'appalto, non ricevono lo stipendio da 4 mesi», afferma il sindacalista. «Si tratta di lavoratori, vittime del sistema degli appalti, cui vengono scaricate responsabilità e problemi di mala gestione che ora Consorzio e impresa si rimpallano». Campa fa sapere che gli operai, una decina, esasperati dalla situazione, avevano messo in atto uno stato di agitazione. «Il versamento degli stipendi era stato assicurato per il 20 marzo, promessa non mantenuta che pone le famiglie in una situazione di grave disagio, una cosa vergognosa», aggiunge il sindacalista che tira in ballo pure il Comune. «Di fronte a fatti così gravi il Comune non sente di avere la responsabilità morale, civile e sociale per intervenire in difesa dei lavoratori? Giusto che si difenda l'opera e l'investimento, ma non ritiene il Comune di dover tutelare gli uomini che con la loro fatica e il loro sudore la devono realizzare? ». Intanto la Lega, da sempre critica sui ritardi accumulati dall'opera, teme addirittura che per effetto di questa situazione si debba procedere con una nuova gara d'appalto. «Già a suo tempo, quando vi fu la fuga delle maestranze perché non venivano pagate con il conseguente arresto dei lavori, avevamo chiesto una revisione del progetto che riteniamo troppo costoso e faraonico, difficile da gestire una volta conclusi i lavori», afferma il capogruppo del Carroccio Antonio Francon. «Riteniamo la rata annua di ammortamento del finanziamento di 480mila euro, troppo onerosa. L'ipotesi ora è che il Consorzio che ha vinto l'appalto rinunci al contratto e di conseguenza si debba trovare una ditta disposta a finire i lavori tra quelle in graduatoria di gara. Tutto ciò porterà ad un ritardo dei lavori che, a ben sperare, non sarà inferiore ad un anno". --Gianni Biasetto