scarica l'app
MENU
Chiudi
19/11/2019

Piscina coperta, tempi lunghi per la riapertura

QN - La Nazione

MASSA MARITTIMA Resterà chiusa fino a settembre del prossimo anno la piscina coperta di Massa Marittima. Troppo lungo l'iter della messa a punto organizzativa sia per la scelta dell'impresa che deve effettuare i lavori di manutenzione straordinaria, che per la loro effettiva consistenza, per pensare ad una prima eventuale riapertura. A giorni comunque dovrebbero iniziare le opere di miglioramento energetico per un importo di 229.066 euro, finanziato con 16.286 provenienti da entrate correnti, 94.434 da oneri di urbanizzazione, 11.700 dall'avanzo di amministrazione, 106.646 quale contributo Por dal bando della Regione Toscana. Vincitrice del bando emesso dal Comune con un ribasso d'asta del 6,00% è risultata l'impresa Punto Impianti di Campobasso. Un volta eseguito l'intervento dovrebbero esser risolti i problemi che impedivano di riattivare i corsi, problemi legati a oggettive difficoltà rappresentate dagli elevati costi di gestione sia per l'impianto di riscaldamento che per l'energia elettrica e il personale di servizio, difficilmente affrontabili con i soli introiti della quota mensile corrisposta dagli utenti. In tal modo la struttura che il Comune ha avuto in dote dalla Provincia potrà finalmente tornare a svolgere il proprio ruolo anche in ambito scolastico. Non mancano comunque le polemiche e le proteste sollevate dagli utenti che riunitisi in un comitato avevano già avuto l'occasione di manifestare il proprio disappunto nei confronti della lentezza nello svolgimento delle pratiche organizzative. Anche la politica è scesa in campo con un duro attacco all'amministrazione comunale portato dai consiglieri del gruppo autonomo della Lega Nord, Daniele Brogi e Loredana Bussola, sullo «scandaloso trattamento riservato alla comunità massetana riferito alla gestione e alla chiusura della piscina comunale, a conferma della mancanza di trasparenza nei confronti della cittadinanza che, a causa di una negligenza amministrativa, si ritrova orfana di un importante servizio. «Tali lavori, evidenziano i due consiglieri della Lega promessi durante la campagna elettorale, stanno subendo grossi ritardi», Immediata la replica del vicesindaco e assessore ai lavori pubblici e allo sport Maurizio Giovannetti sottolineando come «non appena conclusi i lavori per rendere più efficiente l'impianto energetico, si passerà a riassegnare la gestione della piscina con le modalità previste dalla normativa sugli appalti pubblici. Da parte nostra verrà assicurato il massimo impegno» Gianfranco Beni © RIPRODUZIONE RISERVATA