scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
24/07/2021

Piscina chiusa fino all’autunno Un bando per il nuovo gestore

Messaggero Veneto - Alessandro Cesare

L'assessore Ruolo: «Il 2 agosto la Sport Management ci riconsegnerà le chiavi» I fruitori attendono ancora il rimborso degli abbonamenti. Il nodo manutenzioni Cividale
Alessandro Cesare / CIVIDALEIl 2 agosto il Comune di Cividale tornerà in possesso della chiavi della piscina. Ad annunciarlo è l'assessore allo sport, Giuseppe Ruolo, che spiega le ragioni per le quali l'impianto è ancora chiuso al pubblico: «La società di gestione uscente, la Sport Management, ci ha chiesto due settimane di tempo per liberare la struttura dalle sue cose, dandoci appuntamento al 2 agosto per riconsegnare le chiavi. A quel punto avvieremo l'iter per cercare un nuovo gestore».Ruolo ha confermato che gli uffici sono già al lavoro per predisporre un nuovo bando, che però avrà una durata limitata: «Pensiamo a una manifestazione di interesse della durata massima di un annetto - afferma l'esponente della giunta Bernardi -, dandoci così modo di preparare un bando a lungo termine in grado di garantire una continuità nel servizio e mettere finalmente la parola fine a questa vicenda».Sui tempi di riapertura l'assessore non si sbilancia più di tanto: «Credo che prima dell'autunno non sarà possibile. Resto comunque fiducioso, perché si sono fatte avanti molte realtà pronte a occuparsi della piscina comunale. Sono convinto che il bando vedrà una buona partecipazione».Ruolo chiude rispondendo a tutti coloro che hanno ancora in piedi un abbonamento con la Sport Management: «Abbiamo chiesto alla società che provveda al rimborso al 100% del costo degli abbonamenti. Poi, essendoci di mezzo un concordato preventivo, tutto dovrà passare attraverso il tribunale».Intanto tra i fruitori dell'impianto, chiuso da ottobre 2020, cresce il malumore. A farsi portavoce del malcontento degli appassionati, agonisti e non, è Livia Clapiz (candidata nella lista Civi_ci a sostegno del candidato sindaco Fabio Antonio Manzini alle ultime elezioni). «Credo che il tempo delle parole debba lasciare il passo all'azione. Purtroppo gli utenti si ritrovano di fronte a una totale assenza di risposte e di comunicazioni da parte dell'amministrazione comunale. Le società sportive hanno già iniziato la programmazione dell'attività agonistica, ma questa incertezza attorno al futuro della piscina comunale non aiuta. Per quanto riguarda il rimborso degli abbonamenti - incalza Capiz - a chi ci si deve rivolgere, all'uscente Sport Management o a chi ha rilevato il ramo d'azienda, la spagnola Forus? Come si deve fare richiesta?».Domande che, per ora, restano senza risposta. Per Clapiz il Comune avrebbe dovuto affrontare diversamente la vicenda, facendosi carico del rimborso degli utenti della piscina nell'attesa che la vicenda si risolva anche dal punto di vista giudiziario. «Al di là di una verifica dello stato attuale dell'impianto - chiude Clapiz -, credo che l'amministrazione, per il decoro della struttura, dovrebbe occuparsi dello sfalcio esterno e della manutenzione degli alberi attorno alla recinzione. Tutto sembra abbandonato a sé stesso ormai». --© RIPRODUZIONE RISERVATA