scarica l'app
MENU
Chiudi
11/09/2020

Piscina, affidato l’appalto ma sono necessari dei lavori La riapertura? Un’incognita

La Stampa - G.MI.

sanremo, dopo sei mesi di stop
A una società genovese, la MY Sport ssd Consortile a.r.l., il compito di riaprire la piscina comunale di Sanremo, chiusa da quando è scattato il lockdown. Si è aggiudicata, infatti, l'appalto indetto dall'amministrazione Biancheri dopo che la concessionaria uscente (Sport Management) non se l'è sentita di ripartire con il peso delle incognite legate alle misure anti-Covid. In cinque hanno risposto all'avviso per manifestazione d'interesse presentando le loro proposte, esclusivamente tecniche, perché in questa fase il Comune ha deciso di affidare la struttura sportiva nel rione San Martino senza pretendere alcun canone (ma il gestore deve accollarsi le spese per manutenzione ordinaria, utenze ecc.), purché ci fossero soggetti disposti a scommettere sulla riapertura malgrado le incertezze causate dalla pandemia. E al termine della valutazione delle offerte, la commissione giudicatrice ha promosso il progetto della società genovese, che già gestisce otto impianti natatori (più grandi) in Liguria. L'affidamento è limitato ad appena 12 mesi, nelle more dello scioglimento del rapporto contrattuale con l'ex gestore e dell'indizione di una gara d'appalto a livello europeo. Insomma, l'importante è ripartire. Ma quando? Lo si capirà nei prossimi giorni, dopo l'ìncontro tra i rappresentanti della MY Sport ed i responsabili degli uffici comunali competenti. Dopo oltre sei mesi di stop, la piscina ha bisogno di piccoli interventi. «Ringrazio il dirigente del settore e gli uffici tecnici per aver espletato in tempi rapidi le procedure di gara, in modo da poter arrivare quanto prima alla riapertura della struttura, molto utilizzata dai sanremesi», dice il neo assessore Giuseppe Faraldi. - © RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: La piscina di San Martino