scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
27/02/2021

Piazza Galeazzi, lavori e ‘speranze’

QN - La Nazione

GROSSETO Nuovo disciplinare del Comune per gli appalti pubblici: buona la prima. Ieri mattina si è svolta l'estrazione delle sei ditte che dovranno gareggiare per aggiudicarsi l'appalto del secondo stralcio di lavori in piazza Galeazzi, davanti alla basilica del Sacro Cuore. Si tratta della parte più corposa (circa 300mila euro) della riqualificazione della piazza antistante la scalinata della chiesa, ovvero di quella parte che riguarda l'area verde attrezzata al centro. E per la prima volta in assoluto è stato applicato quanto disposto dal nuovo disciplinare pensato e istituito dall'amministrazione Vivarelli Colonna per attuare in maniera concreta il principio di territorialità introdotto dal Decreto semplificazioni. In base al valore dell'appalto, appunto di circa 300mila euro, dovevano essere invitate a presentare l'offerta 6 ditte. «Ai nostri uffici - commenta l'assessore ai lavori pubblici, Riccardo Megale - sono arrivate 197 manifestazioni di interesse da tutta Italia. Se non avessimo adottato il nuovo disciplinare sarebbe stato molto improbabile che tra le 6 ditte da estrarre per individuare i nomi da ammettere a gara fosse capitata una o più aziende locali. Grazie allo strumento che ci siamo dati, invece, e che abbiamo costruito dopo un attento studio e approfondite valutazioni normative e tecniche, abbiamo garantito a 3 aziende della provincia di Grosseto e a 2 del resto della Toscana di competere con una sola estratta dal resto del territorio nazionale. Credo possa essere una buona notizia per le aziende della nostra provincia che fino a poco tempo fa erano automaticamente e ingiustamente escluse dalla partecipazione alle gare». E se questo di piazza Galeazzi è solo un esempio per un importo 'minimo' di 300mila euro, le imprese maremmane potranno guardare con maggiore speranza alla prossima gara che l'assessorato ai lavori pubblici si accinge a varare: quella per l'accordo quadro per la manutenzione delle strade dal valore di 1,6 milioni di euro. Anche in questo caso si applicherà il disciplinare di attuazione del principio di territorialità del Decreto semplificazioni e dunque anche se dovessero arrivare migliaia di richieste di interesse da parte di ditte di ogni parte d'Italia, in ogni caso 8 posti (su 18) sarebbero riservati a ditte della provincia di Grosseto da individuare tramte estrazione a sorte tra tutte le manifestazioni di interesse arrivate: Altri 6 posti saranno riservati ad aziende toscane e 4 a ditte con sede legale ubicata sul resto del territorio nazionale. Andrea Fabbri © RIPRODUZIONE RISERVATA