scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
18/09/2021

Piandimeleto, l’opposizione sollecita migliore progettualità per gli impianti sportivi

QN - Il Resto del Carlino

La chiusura del bando Sport e Periferie non vede il comune di Piandimeleto nella lista dei vincitori. A seguito delle numerose richieste di spiegazione dei cittadini in merito alla vicenda, il consigliere di minoranza Pasquale Soru denuncia i limiti del progetto presentato e suggerisce sostanziali modifiche per il prossimo prossimo bando. «Il progetto presentato dal nostro comune - dice -, con uno stanziamento iniziale di circa 190mila euro, ha visto fin da subito la netta opposizione di tutti i consiglieri della lista "Voltiamo Pagina" - sostiene Soru nella nota - perché volto esclusivamente ad apportare piccole migliorie a strutture già esistenti, a fronte di una spesa da noi giudicata eccessiva, senza alcun investimento nella creazione di strutture che rendano Piandimeleto competitivo rispetto ai paesi circostanti». «Il rifacimento del manto erboso sintetico, la costruzione di uno spogliatoio, la sostituzione delle recinzioni, la creazione di un campo di calcio a 8, l'ampliamento della struttura del Bocciodromo - continua Soru - sono alcuni degli investimenti proposti per il bando, il tutto volto a riqualificare e ammodernare in un'ottica conservativa, figlia di una giunta che ha perso ogni spinta propulsiva». «Benché Piandimeleto non abbia vinto il bando per una semplice questione di distribuzione dei fondi sul territorio nazionale in base a calcoli e moltiplicatori - prosegue la nota - "Voltiamo Pagina" considera fondamentale la partecipazione ad un prossimo bando, ma con un progetto che possa essere realmente volto a fare del nostro comune una valida alternativa sportiva rispetto ai comuni limitrofi, incentivando così un aumento dell'utenza e delle entrate economiche. Un campo dedicato al tiro con l'arco per la pratica agonistica, un campo da calcio sintetico per la stagione invernale, la conversione del bocciodromo in un centro di aggregazione dedicato magari ai campi estivi per ragazzi - conclude Soru - sono solo alcune delle molteplici possibilità che proponiamo per raggiungere il nostro obiettivo in vista di un nuovo bando dello Sport e delle Periferie, garantendo così che i soldi stanziati siano realmente spesi in modo soddisfacente per la cittadinanza. Innovazione e soluzioni al passo con i tempi per le diverse esigenze dell'utenza sono punti fondamentali su cui intendiamo fattivamente impegnarci per migliorare la gestione del bene comune», conclude Pasquale Soru.