MENU
Chiudi
29/09/2018

Pesca, ecco le opportunità per il settore Gal Daunofantino e Comune le presentano

La Gazzetta Del Mezzogiorno

MARGHERITA DI SAVOIA INCONTRO PUBBLICO PER CAPIRE LE OPPORTUNITA' A DISPOSIZIONE
l MARGHERITA DI SAVOIA. È stato senza dubbio un incontro proficuo quello promosso dall'amministrazione comunale, presente con il sindaco Bernardo Lodispoto e il vice sindaco e assessore alle attività produttive Grazia Galiotta, con i rappresentanti del Gal Daunofantino, gli operatori del settore pesca, i rappresentanti delle cooperative pescatori della cittadina salinara ed esponenti del mondo imprenditoriale e dell'associazionismo sportivo, interessati allo sviluppo di un settore vitale per l'eco nomia di Margherita di Savoia. Strategico ma troppo spesso trascurato, hanno rilevato gli operatori del settore pesca senza nascondere il loro malcontento per le situazioni di degrado che hanno dovuto fronteggiare negli ultimi anni. Al riguardo l'amministrazione comunale si è impegnata ad affrontare le problematiche dei pescatori creando le condizioni per una maggiore sicurezza dei natanti e cercando di creare nuove opportunità per la categoria. Il presidente del Gal Daunofantino, Michele D'Errico, nell'esporre per linee generali gli interventi finanziabili attraverso i fondi comunitari, non ha nascosto il suo malcontento per i ritardi che si sono registrati. «Purtroppo di chiacchiere ne sono state dette tante ma di sostanza ce n'è stata poca - ha dichiarato D'Errico -. Il Gal Daunofantino si propone come interfaccia tra Unione europea e Regione Puglia per lo sviluppo dei piani di investimento in settori strategici come la pesca, per i quali sono previsti bandi pubblici che porteranno alla presentazione di nuovi progetti. Dobbiamo sfortunatamente constatare come da parte della Regione Puglia vi sia un forte ritardo in questo senso: per recuperare questo ritardo stiamo compiendo un'opera di informazione capillare chiedendo agli operatori di attivarsi prima ancora che i bandi siano pubblicati. Il nostro obiettivo è fare in modo che la categoria dei pescatori sia da subito pronta, altrimenti i fondi europei saranno irrimediabilmente perduti. E di tempo per attivarsi ne è rimasto poco». Nunzio Stoppiello, responsabile del Gal per le misure legate al Fondo europeo per gli affari marittimi e pesca ha illustrato nel dettaglio gli interventi destinati ai proprietari di barche: in particolare le misure 4.2 (Promozione della diversificazione in ambito ittico e innovazione dei prodotti offerti, compreso il turismo marittimo e costiero) e 4.3 (Investimenti per la vendita diretta, conservazione e commercializzazione dei prodotti ittici). La prima punta ad una diversificazione del reddito dei pescatori tramite lo sviluppo di attività correlate all'attività principale della pesca (come ad esempio turismo legato alla pesca sportiva, ristorazione, servizi, ambientali, attività di educazione ambientale, gestione di eventi promozionali delle tradizioni e dei prodotti del territorio, ecc.); la seconda prevede lo sviluppo di canali innovativi per la distribuzione del pescato e la realizzazione di interventi strutturali ed infrastrutturali per la creazione di servizi che agevolino la vendita diretta, la conservazione e la tracciabilità dei prodotti ittici (attrezzature ed infrastrutture la conservazione, trasformazione e commercializzazione dei prodotti ittici, investimenti per la fornitura del prodotto agli operatori nel campo della ristorazione, strutture per la vendita diretta del pescato, ecc.). Ma, come ha ribadito Stoppiello, bisogna far presto nel cogliere queste opportunità che possono rendere più redditizio il settore pesca. Il vice sindaco Galiotta ha sottolineato la necessità di questi incontri. «Come amministrazione comunale il nostro compito è quello di favorire ogni opportunità alle realtà produttive.

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore