scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
28/08/2021

«Percorsi per non vedenti Una città senza barriere»

QN - Il Resto del Carlino

«Una grande opportunità per costruire una città maggiormente accessibile e fruibile da parte di tutti» queste parole sono di Lorenzo Rizzato, consigliere comunale della Lega che ha presentato una proposta a favore dei cittadini con disabilità. La proposta è stata inviata proprio in questi giorni al sindaco Edoardo Gaffeo ed all'assessore ai lavori pubblici del Comune Giuseppe Favaretto. Rizzato spiega nel dettaglio il suo progetto e come riuscire ad ottenere i finanziamenti per trasformarlo in una realtà con l'obiettivo di creare una città a misura d'uomo. «Il ministero dei Trasporti - comincia il consigliere della Lega, forza d'opposizione tra i banchi del consiglio comunale - ha pubblicato, il 10 agosto scorso, quello che ritengo sia un importante bando al quale Rovigo dovrebbe partecipare. Si tratta di un bando che mette a disposizione dei Comuni oltre 800mila euro per mettere in sicurezza incroci stradali ed attraversamenti pedonali con l'inserimento di strumenti adeguati a persone non vedenti - spiega -. Con questi fondi possono essere creati attraversamenti semaforizzati adeguati ai non vedenti sia in punti particolarmente pericolosi sia in concomitanza degli uffici pubblici. Gli interventi che possono essere finanziabili tramite questo bando non sono soltanto le segnalazioni acustiche ma anche la realizzazione di una particolare pavimentazione e di un percorso tattile che permetta al disabile visivo di riconoscere il luogo di attraversamento, un vantaggio enorme. Al momento in città esistono solo due attraversamenti con questi sistemi, ovvero quello che si trova in via Falcone e Borsellino (vicino al seminario del seminario dei frati) e un altro che è stato realizzato in viale della Pace, impianto che però risulta non essere funzionante. Questo ci fa rendere conto di quanto indietro sia rimasta la nostra città in quest'ambito, ovvero nella lotta alla barriere architettoniche». Il consigliere Rizzato continua specificando alcuni dettagli del progetto. «Il finanziamento ministeriale può coprire il 70% delle spese complessive - fa i conti -. Si tratta di un'enorme opportunità per la città di Rovigo di fare un primo passo verso la creazione di una città più inclusiva ed attenta a quelli che sono i suoi cittadini fragili. Ovviamente per l'eliminazione completa di tutte le barriere architettoniche ed adeguare la città alle esigenze delle persone con disabilità servirebbero molti più fondi. Ma questo - conclude il consigliere - potrebbe essere un primo ed importante passo verso la direzione giusta, un modo per lanciare un messaggio. Ovvero, a Rovigo non esistono cittadini di serie B. Spero che questa proposta venga ascoltata ed accolta da parte del sindaco e dall'assessore competente in materia. Ho già inviato a loro tutte le informazioni e i documenti che sono necessari per una partecipazione da parte del nostro Comune al bando». © RIPRODUZIONE RISERVATA