scarica l'app
MENU
Chiudi
04/01/2020

Per la prima casa il Comune regala il 25% della spesa

La Repubblica - Maurizio Bologni

Radicondoli
Chi sogna di andare a vivere in campagna, ma di continuare a lavorare in città, ci farà un pensierino serio sulla proposta che arriva dalla provincia senese. Occasioni così non capitano tutti i giorni. Alle persone che prendono residenza nel suo territorio, il Comune di Radicondoli offre un contributo pari al 25% della spesa sostenuta per comprare casa (fino ad un massimo di 20 mila euro) e rimborsa ai pendolari l'80% delle spese di viaggio sulla base delle tabelle Aci appena rinnovate per il 2020. I due bandi del Comune di Radicondoli, bandi che vengono pubblicati in questi giorni, sono cumulabili ma le famiglie interessate possono partecipare separatamente anche soltanto ad uno dei due, il "bando casa" oppure il "bando mobilità". «Abbiamo mille abitanti e sostenere il ripopolamento, ma anche l'insediamento di nuove aziende, ci sembra il modo migliore per investire le risorse che ci arrivano dalle concessioni geotermiche», spiega Francesco Guarguaglini, sindaco del Comune immerso tra i boschi più fitti del Senese, che ha appena inaugurato il teleriscaldamento geotermico della scuola del paesino. ● a pagina 7 Chi sogna di andare a vivere in campagna, ma di continuare a lavorare in città, ci farà un pensierino serio sulla proposta che arriva dalla provincia senese. Occasioni così non capitano tutti i giorni. Alle persone che prendono residenza nel suo territorio, il Comune di Radicondoli offre un contributo pari al 25% della spesa sostenuta per comprare casa e rimborsa ai pendolari l'80% delle spese di viaggio. I due bandi, che vengono pubblicati in questi giorni, sono cumulabili ma le famiglie interessate possono partecipare separatamente anche soltanto al "bando casa" oppure al "bando mobilità".
«Abbiamo mille abitanti e sostenere il ripopolamento, ma anche l'insediamento di nuove aziende, ci sembra il modo migliore per investire le risorse che ci arrivano dalle concessioni geotermiche», spiega Francesco Guarguaglini, sindaco del Comune immerso tra i boschi più fitti del Senese. La proposta stuzzica chi cerca la svolta, chi vuole cambiare vita. Prendi un fiorentino che desideri trasferirsi all'aria buona e continuare a lavorare nel capoluogo della regione.
Pagando 80 mila euro, 20 mila dei quali a carico del Comune, può comprarsi un'abitazione a Radicondoli.
E poi, 75 chilometri in auto e un'oretta di viaggio, tanti all'andata e tanti al ritorno ogni giorno per cinque giorni a settimana, con un contributo di viaggio del Comune stabilito in base alle tabelle Aci e comunque non superiore all'80% di quanto il pendolare spenderebbe utilizzando mezzi pubblici. Ma vuoi mettere, le serate e i fine settimana in mezzo al verde. «Puntiamo ad offrire occasioni per migliorare la qualità della vita delle persone, nell'ambito di un'azione progressiva volta a stimolare sia lo sviluppo economico sia la residenzialità» spiega il sindaco Guarguaglini. «Abbiamo predisposto bandi ad hoc anche per le imprese e per i giovani, che vogliamo stimolare a crearsi posti di lavoro sul territorio», aggiunge il sindaco, che ha da poco inaugurato il teleriscaldamento della scuola del paese, primo edificio pubblico ad allacciarsi all'impianto alimentato dalla geotermia.
Nel dettaglio, il bando per la concessione del contributo per l'acquisto della prima casa prevede che il sostegno del Comune copra il 25% del valore dell'immobile fino ad un massimo di 20 mila euro. L'abitazione, esclusivamente una prima casa, deve risultare acquistata tra i1 primo gennaio 2017 e il 20 novembre 2020, che è anche il termine ultimo di presentazione delle domande.
Possono chiedere il contributo comunale cittadini maggiorenni italiani, dell'Ue ed extracomunitari in regola con le norme sull'immigrazione, che mantengano la residenza a Radicondoli per 10 anni.
Il bando per l'erogazione di contributi ai lavoratori pendolari stabilisce come ultimo giorno utile per la presentazione delle domande in relazione al 2019 il 31 gennaio 2020, mentre per l'anno 2020 il 31 gennaio 2021. È previsto un contributo in base al costo di viaggio effettivamente sostenuto e al calcolo dei rimborsi chilometrici delle tabelle Aci, nella misura massimo dell'80% e comunque non oltre l'importo dell'abbonamento o degli abbonamenti a mezzi pubblici necessari per raggiungere il luogo di lavoro. Chi può fare domanda? Il richiedente deve avere la sede lavorativa ad almeno 10 chilometri da Radicondoli, residenza nel comune al 31 dicembre dell'anno precedente all'agevolazione e mantenerla per l'intera annualità alla quale si riferisce il bando o per il periodo di assunzione che non può essere inferiore ad un mese, usare una macchina di proprietà della famiglia. I bandi sono coperti da un budget massimo ma sono rifinanziabili.
Basta poco, insomma, per realizzare il sogno: lavorare in città, vivere in campagna.

Foto: kTerra geotermica Una veduta di Radicondoli e una centrale Enel