scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
06/10/2021

Per il Durc online serve lo Spid

ItaliaOggi

Nuove credenziali per il «Durc online». Dal 1° ottobre, infatti, tutti i soggetti abilitati all'accesso alla versione telematica del documento di regolarità contributiva, Durc, e loro delegati devono essere in possesso di credenziali Spid, Cie o Cns. Lo precisa l'Inail, nella circolare n. 27/2021. Credenziali online. Dal 1° ottobre, gli strumenti di accesso ai servizi digitali dell'Inail sono solamente Spid, Cie o Cns, secondo il «piano» di progressiva transizione verso le nuove credenziali disposto con la circolare n. 36/2020. Fanno eccezione minori, extracomunitari senza documento d'identità e soggetti assistiti da tutori, curatori o amministratori di sostegno, ai quali resta consentito utilizzare le credenziali dell'Inail. Soggetti abilitati. L'accesso al servizio «Durc online», ricorda innanzitutto l'Inail, attualmente è previsto per le seguenti categorie di utenti: imprese e soggetti assicuranti, titolari di «codice ditta»; soggetti abilitati ai servizi dell'Inail in qualità di professionisti della consulenza del lavoro ai sensi della legge n. 12/1979: consulenti lavoro, dottori commercialisti ed esperti contabili, tributaristi, revisori e altri professionisti per imprese senza dipendenti, avvocati, agronomi e dottori forestali, agrotecnici, Caf, centro servizi per il volontariato, consorzi società cooperative, periti agrari, servizi di associazione, società capogruppo, società tra professionisti (Stp), raccomandatari marittimi; stazioni appaltanti e amministrazioni procedenti e concedenti; società organismi di attestazione (Soa). Tutti i suddetti soggetti (a cui vanno aggiunti i gruppi «banche e intermediari finanziari» e «altri soggetti» le cui credenziali di accesso sono fornite dall'Inps) e i loro sub-delegati dal 1° ottobre, per accedere al servizio «Durc online» devono essere in possesso di credenziali Spid, Cie o Cns. Stop a sportellounicoprevidenziale.it. Dal 1° ottobre, anche la creazione/abilitazione di nuove stazioni appaltanti/amministrazioni procedenti, il subentro nell'abilitazione per la richiesta d'ufficio del Durc online (da richiedere con l'apposito modulo «Subentro utenza Durc» pubblicato sul sito internet dell'Inail), nonché l'aggiornamento anagrafica delle stazioni appaltanti/amministrazioni procedenti già presenti non avviene più tramite l'accesso a www.sportellounicoprevidenziale.it. Questi servizi, spiega l'Inail, sono state migrati all'interno dei servizi online del portale www.inail.it, per l'accesso ai quali sono richieste le credenziali Spid, Cie oppure Cns. La novità interessa anche il personale dell'Inail abilitato. Nulla cambia per le funzioni di abilitazione e di subentro dei soggetti al ruolo di stazione appaltante/amministrazione procedente che continuano a essere operative all'interno del «Cruscotto di abilitazione ai servizi online». Inps e Cnce. L'Inail ricorda, infine, che il personale dell'Inps e della Cnce (commissione nazionale per le casse edili), già oggi abilitato, continua a operare con i ruoli già assegnati. Gli amministratori delle utenze Inps e Cnce, accedendo ai servizi online del portale www.inail.it con Spid, Cie o Cns, in particolare, potranno continuare a gestire le utenze dei direttori o responsabili degli uffici nelle consuete modalità, attraverso l'utilizzo della voce «Nuova gestione anagrafica stazioni appaltanti e Soa/Utenti e profili». I nuovi soggetti che devono essere abilitati devono aver effettuato un accesso sul portale www.inail.it con Spid, Cie o Cns.