scarica l'app
MENU
Chiudi
04/10/2019

«Per i lavoratori si farà di tutto» Ma le opposizione la mettono all’angolo: «Solo parole e niente fatti»

Il Tempo - F. M. M.

L'azienda in liquidazione
• Un'ora e mezza o poco più che il sindaco di Roma, Virginia Raggi, ha dedicato ad illustrare al Consiglio comunale la situazione drammatica di Roma Metropolitane, la società strumentale di proprietà del Campidoglio per conto del quale progetta infrastrutture di mobilità, dalle metropolitane alle piste ciclabili, dalle amate (dai grillini) funivie alle linee tranviarie. Una società che, dal 2013, è andata incontro a un andamento economico a singhiozzo e che, dal 2016 - anno di avvento della Raggi e dei grillini a Palazzo Senatorio - è senza bilanci: sono iniziate le procedure per il fallimento e in bilico ci sono 150 posti di lavoro, quasi tutti di alta specializzazione (ingegneri e architetti). Ieri, in Aula, la prima parte della seduta è stata dedicata al caso Roma Metropolitane con il Sindaco che ha esordito ribadendo che «Le opere infrastrutturali in realizzazione o progettazione come la Metro C vanno avanti e non sono a rischio. La società Roma Metropolitane continuerà a svolgere il ruolo di stazione appaltante, tutte le opere già affidate andranno avanti e lo stesso le progettazioni». Che Roma Metropolitane rimanga stazione appaltante non è esattamente una concessione benigna ma una previsione di legge: per cambiare stazione appaltante occorre un provvedimento apposito del Ministero delle Infrastrutture e uno statuto societario specifico. Inoltre, la stazione appaltante fa anche da schermo per le cause: solo sulla Metro C ci sono vecchi contenziosi e, visto il prossimo tombamento delle talpe a piazza Venezia, nuove potenziali ricorsi in vista. Cause che vengono fatte contro la stazione appaltante che, quindi, "protegge" il Campidoglio e i suoi bilanci. La Raggi ha aggiunto: «Roma Metropolitane non è in equilibrio né gestionale né finanziario e negli anni sono state necessarie ripetute immissioni di denaro pubblico: ogni anno la società brucia sei milioni di euro». E ha spiegato che il Campidoglio intende procedere lungo la strada della «liquidazione controllata» e, riguardo i lavoratori, ha chiarito: «sono aperte tutte le ipotesi per garantire il futuro dei lavoratori senza escludere la possibile ricollocazione in altre società del gruppo Roma Capitale». Ovviamente, per la Raggi che governa Roma da oltre 3 anni, la colpa è delle passate Amministrazioni: «stiamo semplicemente rimediando ai disastri che ci hanno lasciato». Le opposizioni si sono scatenate, supportate da un nutrito numero di lavoratori di Roma Metropolitane. Accorato l'intervento di Ilaria Piccolo (Pd): «La domanda che vi faranno è: «Il socio ha fatto tutto quello che doveva per evitare la liquidazione?». «A noi risulta che non sia stato fatto. La scelta di andare in liquidazione non è colpa del passato, è una scelta vostra». E, mentre il capogruppo della Lega in Campidoglio, Maurizio Politi, ha depositato una mozione di sfiducia al Sindaco, Davide Bordoni, capogruppo di Forza Italia, esprime forte preoccupazione per il futuro: «Non possiamo azzerare il know-how acquisito con l'esperienza dei lavoratori». Durissima Cristina Grancio, exgrillina ora nel Gruppo Misto: «Questa amministrazione deve andare a casa perché si dimostra incapace di dare risposte ad una città che soffre».

Foto: Contuso Stefano Fassina è rimasto infortunato durante la manifestazione dei lavoratori di Roma Metropolitane di due giorni fa. Del caso si è parlato anche durante il consiglio comunale di ieri