scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
02/03/2021

“Per aiutare le sale dobbiamo cambiare il codice Ateco”

La Repubblica - s.str.

La Regione ai cinema
La montagna finora non aveva ricevuto nulla. Alle sale cinematografiche qualcosa è arrivato la primavera scorsa . La Regione risponde così alla richiesta di aiuto arrivata dagli esercenti del cinema che nei giorni scorsi hanno scritto al presidente Cirio e agli assessori Vittoria Poggio e Andrea Tronzano. "Un urlo di dolore", lo hanno definito, di fronte al rischio che il 40 per cento delle sale, soprattutto le più piccole e quell in provincia, non siano più in grado di riaprire. Per tutti, valgono le cifre portate dal presidente dell'Agis Luigi Boggio, che ha indicato per il suo cinema torinese Ideal una perdita di 132mila euro nel 2020.
L'assessora alla cultura della Lega, Vittoria Poggio, ritiene che il confronto fra soggetti fortemente penalizzati dalla pandemia non è opportuno: «La Regione ha da poco emanato una parte del bonus montagna ai soggetti gestori degli impianti da sci e ai maestri di sci, attualmente ancora esclusi da ogni tipo di ristoro statale. Invece, durante la prima fase pandemica abbiamo erogato un contributo di 1500 euro a ogni esercente cinematografico piemontese».
Respinta l'accusa di privilegiare un mondo imprenditoriale rispetto a un altro, entrambi messi in ginocchio dalla pandemia, Poggio ricorda di aver ricevuto Anec e Agis insieme con l'assessore Tronzano per analizzare le problematiche che colpiscono pesantemente il settore del cinema e dello spettacolo dal vivo. «All'incontro abbiamo accolto le loro richieste e ci siamo impegnati a inserire il codice Ateco delle sale cinematografiche nei futuri bandi che la Regione pubblicherà in materia di riqualificazione energetica e ambientale, oltre che a quelli per i miglioramenti dei servizi», spiega l'assessora. E nella futura programmazione, per gli anni dal 2022 al 2024, prosegue, «abbiamo concordato che creeremo una linea di finanziamento, sempre mediante bando, dedicata al settore degli esercenti cinematografici». L'assessore al bilancio Andrea Tronzano è tranchant sulla possibilità che il Piemonte possa erogare contributi: «Non abbiamo alcuna possibilità di erogare altri bonus ma ci impegniamo a fare pressing sul governo perché i contributi siano concessi sulle perdite reali e non sui codici Ateco».
Poggio sottolinea ancora un bando dedicato al cinema di animazione per incentivare le produzioni piemontesi: «Un analogo bando, pensato per la produzione cinematografica, era stato aperto nella primavera scorsa. Contiamo di riaprirlo». - ©RIPRODUZIONE RISERVATA

Foto: kAssessore Vittoria Poggio, responsabile della cultura