scarica l'app
MENU
Chiudi
10/06/2020

Pedrengo rifà l’area feste: pronta entro l’anno

Eco di Bergamo

Da pochi giorni sono infatti iniziati in via Piave i lavori di realizzazione della nuova struttura, un'opera da 500mila euro finanziata con l'avanzo di amministrazione comunale relativo all'anno 2018 e con le somme ricavate dalla vendita delle quote della società partecipata Aqualis.

Gli interventi, che avranno una durata di circa 180 giorni, consentiranno di riqualificare completamente l'attuale area feste, trasformandola in un punto di riferimento per tutta la comunità pedrenghese. «Nello specifico - sottolinea il sindaco Simona D'Alba - realizzeremo una moderna struttura in cemento e legno, con cucine professionali fisse, spazi per il pubblico, spogliatoi e servizi per tutti gli utenti. Sarà utilizzabile tutto l'anno e rimarrà a disposizione dei cittadini non solo per feste, ma anche per incontri ed eventi di vario genere, dalle iniziative culturali a quelle scolastiche, passando per i momenti ricreativi della comunità. Con il ribasso d'asta che abbiamo ottenuto dalla gara d'appalto (circa 100mila euro rispetto al progetto iniziale, ndr), acquisteremo attrezzature e arredi professionali per le cucine». «Oltre a questa funzione aggregativa - continua il primo cittadino - l'area avrà un ruolo importante per la sicurezza del nostro territorio: diventerà infatti il centro di ammassamento per la nostra Protezione civile e il punto di riferimento in caso di incidenti rilevanti per la popolazione.

Al termine dei lavori, la gestione sarà proposta in prelazione al gruppo Alpini, che da sempre è un riferimento per la comunità nonché un presidio dell'area circostante. La loro sede è infatti all'interno del parco Frizzoni». L'opera si inserirà in parco civico di 100mila metri quadrati che raggruppa lo storico parco Frizzoni, la nuova scuola media, la biblioteca, la scuola primaria, l'attuale centro sportivo e il futuro Parco sul Serio, in corso di realizzazione a pochi passi dai campi sportivi di via Giardini. «Il progetto attuale - precisa D'Alba - prevede la creazione di un grande spazio esterno - una sorta di porticato - che sarà fondamentale soprattutto nella stagione calda. In futuro, una volta terminati i lavori, valuteremo se installare degli infissi per chiudere anche questo spazio e utilizzarlo così anche durante le stagioni più fredde. Nel caso si tratterebbe di un secondo lotto di interventi che non valuteremo comunque prima della prossima estate».

I lavori, dopo una gara d'appalto che ha visto la partecipazione di una novantina di aziende, sono stati affidati alla ditta torinese Pro System, che da pochi giorni ha provveduto a recintare il cantiere, a definire i criteri di tracciamento dei plinti, con l'obiettivo di procedere il prima possibile con le opere di scavo. «Momentaneamente - conclude il sindaco - vengono chiusi alcuni passaggi tra le varie proprietà comunali. La vicina area cani si potrà ad esempio raggiungere dal passaggio pedonale tra via Giardini e via Piave mentre il campo esterno da basket non potrà per ora essere raggiunto. Il parco Frizzoni resterà invece a disposizione della cittadinanza. Dopo l'emergenza sanitaria, la comunità sentirà il bisogno di aggregarsi e per farlo in sicurezza ci sarà bisogno di luoghi strutturati come questa area». • Laura Arrighetti