scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
22/07/2021

Pavia / 2 La procedura difficile del bando

La Provincia Pavese

LE LETTERE
A seguito dell'articolo uscito il 17 luglio su La Provincia Pavese, a firma di Fabrizio Merli, circa il bando di Regione Lombardia per i centri estivi, ritengo opportuno chiarire alcuni punti omessi dall'articolo, che avevo invece già espresso durante il Consiglio Comunale di giovedì scorso. In primo luogo, è doveroso precisare gli Uffici dell'Assessorato all'Istruzione hanno svolto, al meglio, tutte le procedure che Regione Lombardia aveva dapprima indicato e successivamente annullato, per problemi tecnici non imputabili al Comune. L'iter del bando è stato infatti riattivato, con una data di inserimento dei dati diversa da quella inizialmente prevista. Il riavvio della procedura ha reso necessaria la revisione del materiale raccolto e un nuovo confronto con gli 8 partner che, insieme al Comune di Pavia, hanno partecipato al bando. Il 21 giugno, a seguito della laboriosa ma rapida predisposizione della nuova documentazione, per la quale comunque ringrazio gli Uffici, la medesima è stata presentata, poco prima dell'orario di chiusura, agli Uffici del sindaco Fracassi, il quale ha immediatamente apposto la firma come legale rappresentante del Comune. Il giorno successivo, alla riapertura degli Uffici, l'incaricata del procedimento presso l'Assessorato all'Istruzione ha così avuto modo di inserire la documentazione sul portale di riferimento di Regione Lombardia. I fatti si sono svolti così, e non è certo casuale che solo un capoluogo di provincia lombardo sia riuscito, quasi fortunosamente, ad aggiudicarsi il finanziamento: è la conferma che la modalità prevista dal bando presentasse delle criticità. Sono in molti a pensare, infatti, che questa debba assolutamente essere rivista, poiché premia il grado di velocità dei clic e non il contenuto dei progetti da finanziare. Sono certo che Regione saprà tenere in considerazione le segnalazioni ad essa inviate dai Comuni interessati al bando e rimasti esclusi per via dell'attuale metodo di selezione, e che saprà rimodulare, almeno per il futuro, criteri e procedure. Alessandro Cantoni assessore all'Istruzione del Comune di Pavia Le registrazioni delle sedute di Consiglio sono a disposizione di tutti sul sito del Comune (www.comune.pv.it). Al minuto 52 e 46 secondi l'assessore Cantoni spiega che la pratica fu portata alla firma del sindaco "oltre le ore 14 di lunedì 21 che era giornata corta" e che quindi fu spedita alla Regione la mattina successiva, esattamente come ho scritto. Nel mio articolo si citano anche sia le difficoltà tecniche che l'esclusione di molti capoluoghi. (f.m.)