scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
19/01/2021

Partinico, ditta in odor di mafia Revocato l’appalto alla Tech

Giornale di Sicilia

Nuovi guai per l ' impresa che preleva e trasporta il percolato dalla Baronia-Provenzano
Dopo l ' interdittiva la prefettura di Siracusa ha commissariato l ' azienda, ma il titolare non ha mai informato il Comune I provvedimenti Partita la segnalazione a l l ' autorità nazionale Anticorruzione La ditta già sostituita
Michele Giuliano PA RT I N I C O Dopo l ' interdittiva antimafia anche il commissariamento dei vertici dell ' impresa da parte della prefettura di Siracusa. Circostanza quest ' ultima che non sarebbe stata segnalata al Comune di Partinico e che per questo ha deciso di revocare l ' appalto per lo smaltimento del percolato dell ' oramai dismessa discarica Baronia-Provenzano. Si interrompe così bruscamente il rapporto tra la Tech servizi, che andava avanti da lungo tempo, e l ' ente locale partinicese che nel provvedimento di annullamento dell ' affidamento dell ' appalto ipotizza un «grave illecito professionale posto in essere nello svolgimento di procedura di gara». È stato il responsabile del settore sviluppo del territorio Armando Piscitello, che ingloba anche la competenza all ' ambiente, ad avere emanato la determina di revoca dell ' appalto. E ora per la ditta si profilano dei seri rischi, secondo quanto si legge dal provvedimento: «Si configura un illecito professionale da parte del legale rappresentante della società e pertanto si effettuerà la segnalazione ad Anac secondo l ' apposito modello». L ' Anac è l ' autorità nazionale anticorruzione che ha competenze in materia di contratti pubblici e può anche assumere decisioni di esclusione delle ditte dalla partecipazioni di commesse pubbliche in caso di accertate violazioni. Una storia che ebbe inizio nel febbraio del 2020, quando la stessa Tech servizi comunicava al Comune, per cui già all ' epoca svolgeva il servizio di prelevamento e smaltimento del percolato dalla discarica Baronia-Provenzano, di essere stata raggiunta da un ' i n t e rd i t tiva antimafia della prefettura di Siracusa, informando al contempo di avere già presentato ricorso al Tar. Tale provvedimento, che cancella la ditta dalle cosiddette «white list», preclude la possibilità alle imprese di poter avere commesse pubbliche. Il mese successivo il tribunale amministrativo si pronunciò sospendendo gli effetti dell ' informat iva. Tutto finito qui? Per niente. Il Comune, forte di questa sospensiva, proroga il contratto alla Tech nel giugno dello scorso anno ma adesso è saltata fuori una novità. Dalle informazioni assunte dal Comune, questa impresa era stato anche oggetto sempre dalla prefettura di Siracusa di provvedimento ex articolo 32 del decreto legislativo 90 del 2014, vale a dire del commissariamento speciale: «L ' amminist ratore unico, pur consapevole di tale circostanza, - sostengono gli uffici comunali - accettava la richiesta di proroga, e non informava che era " incapace ex lege " a intrattenere rapporto contrattuale con il Comune di Part inico». Per giurisprudenza il provvedimento di interdittiva antimafia, così come ha evidenziato il funzionario del Comune nel motivare la revoca, determina una particolare forma di incapacità giuridica, e dunque la «insuscettività del soggetto, persona fisica o giuridica, che di esso è destinatario ad essere titolare di quelle situazioni giuridiche soggettive che determinino rapporti giuridici con la pubblica amministrazione». Motivo per cui, a detta degli uffici comunali che hanno trattato la vicenda, le circostanze conosciute dall ' amminist ratore unico della ditta interdetta lo avrebbero dovuto indurre a non accettare la proposta di proroga del rapporto contrattuale avanzata dall ' amministrazione comunale. Al contrario, ha invece accettato formalmente la proposta contrattuale pur consapevole per l ' appunto della sua «incapacità ex lege». È già stata trovata un ' altra ditta in sostituzione che effettuerà il servizio di smaltimento del percolato. (*MIGI*) © RIPRODUZIONE R I S E RVATA

Foto: Partinico. Le vasche dell ' ex discarica Baronia-Provenzano di raccolta percolato FOTO MIGI