MENU
Chiudi
28/09/2018

«Park, proposta non ufficiale Silenzi getta soltanto fango»

QN - Il Resto del Carlino

VARCO SUL MARE PROGETTO DI RIQUALIFICAZIONE DEL CENTRO
di LORENA CELLINI RIQUALIFICAZIONE del centro con la realizzazione del park interrato al varco sul mare, per Giulio Silenzi del Pd un progetto bruciato, perché l'amministrazione comunale ha sbagliato la procedura di approccio al project financing. Per il sindaco Fabrizio Ciarapica, invece, «Silenzi vuole solo buttare fango». Il 17 settembre, a palazzo Sforza, i rendering del progetto proposto dalla Strever spa di Chieti all'amministrazione comunale civitanovese sono stati presentati e anche illustrati ai consiglieri comunali e ad esponenti dei partiti della maggioranza. Sindaco Ciarapica, il progetto non risulta protocollato in Comune, l'intervento non figura nel piano delle opere pubbliche votato dal Consiglio comunale e non sono stati dati incarichi dal Comune nel merito. Per l'opposizione, è un percorso non regolare per realizzare un project financing: lei che dice? «Il progetto non esiste ancora perché l'amministrazione comunale, nella sua autonomia, ha finora valutato una proposta che non ha nulla di ufficiale - risponde Ciarapica -. Il 17 settembre abbiamo discusso un'idea. Nel momento in cui la società proponente presenterà il progetto, con un piano di fattibilità tecnica ed economica, se ci sarà la disponibilità lo porteremo in Consiglio comunale, che avrà 90 giorni di tempo per dichiarare la pubblica utilità». Il codice degli appalti prevede questa procedura? «Siamo in una fase esplorativa e il codice degli appalti concede un lasso di tempo, quei novanta giorni per decidere la pubblica utilità, nei quali è consentito il dialogo attivo e costante con il soggetto privato, affinché si possa eventualmente anche modificare il progetto, prima che sia messo a bando, ed è chiaro che poi potrà partecipare qualsiasi ditta». La società proponente è la Strever di Chieti? «Sì, ci hanno contattato con una lettera tempo fa, hanno chiesto all'ufficio tecnico dei dati per predisporre la loro proposta e li hanno ottenuti. La ditta non sta operando di nascosto. Tra l'altro, succede tutti i giorni che soggetti privati si rivolgano al nostro ufficio dell'urbanistica». Piace alla sua maggioranza il progetto che avete visionato? «Vedremo. L'obiettivo è la riqualificazione». Il 17 settembre, insieme a consiglieri comunali e a esponenti politici della maggioranza, alla presentazione del progetto c'erano anche due professionisti privati, gli architetti Marcello Santini di Civitanova e Silvana Lisi di Macerata: a che titolo? «Erano lì per conto della ditta Strever, che si è avvalsa di loro per muoversi sul territorio». © RIPRODUZIONE RISERVATA

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore