MENU
Chiudi
06/12/2018

Parco del Castello, parte il restyling

Il Messaggero

IL LUOGO SIMBOLO
Al via i lavori di riqualificazione del parco del Castello che termineranno in poco meno di sei mesi. L'intervento per il primo lotto, finanziato interamente dalla Fondazione Carispaq per un milione di euro, sarà eseguito dalla ditta aquilana Edilfrair che ha ridotto a 170 giorni i tempi di intervento inizialmente fissati in 250. Il parco tornerà ad essere un salotto cittadino nel cuore del centro storico con una serie di interventi volti a creare una rete di camminamenti diffusi, un percorso salute con aree attrezzate e percorsi per ipovedenti. Alla firma del contratto con Edilfrair, ieri nella sede della Fondazione, erano presenti il presidente Marco Fanfani, il sindaco Pierluigi Biondi, Gianni Frattale della Edilfrair, il vicesindaco Guido Liris, l'assessore al Verde pubblico Emanuele Imprudente e il segretario generale della Fondazione David Iagnemma. Il progetto, realizzato dall'architetto Simona Liberali, prevede anche una riqualificazione del verde, un sistema illuminazione al led, nuove panchine e tavolini attrezzati. «E' un passaggio fondamentale per la città perché intorno al Castello si è ritrovata la comunità aquilana ed è diventato ancora più di prima un luogo di attenzione e affezione - ha detto in sindaco Dalla firma della convenzione, dopo soli 4 mesi, diamo il via ai lavori e questo è segno di un impegno di cui ringrazio la Fondazione e la struttura comunale, nello specifico il capo dipartimento del settore tecnico Lucio Nardis e il rup del progetto, l'ingegnere Annalisa Moriante». Il secondo lotto, dall'importo circa 650 mila euro, prevede invece la sistemazione della pavimentazione del piazzale antistante l'auditorium di Renzo Piano, dei cordoli e delle aiole. «La Fondazione è intervenuta per il cassettonato di San Bernardino, per Porta Napoli, Madonna Fore e altre iniziative coordinandosi sempre con il Comune - ha precisato Fanfani Questo è uno degli interventi più significativi per noi, non solo in termini di impegno economico, ma soprattutto perché il parco è un punto di riferimento per molte iniziative e per i cittadini stessi: per le famiglie e i bambini, per chi fa jogging e per gli anziani che passeggiano. Ha investito davvero ogni fascia generazionale di questa città». «Un'opera pubblica realizzata da un privato che rappresenta un'innovazione e che consente di agire in modo più snello - ha spiegato Iagnemma La procedura presente nel nuovo codice degli appalti si va ad aggiungere al tema della sponsorizzazione collaudata in precedenza».
M. Gal.
© RIPRODUZIONE RISERVATA

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore