MENU
Chiudi
29/08/2018

Palazzo Carpeneto Dissequestrata l’area il Comune dà il via a transito e lavori

La Stampa - VALENTINA ROBERTO

Cigliano, può partire l'appalto per ristabilire la sicurezza dell'edificio. Inchiesta ancora aperta
La P rocura di Vercelli ha proceduto al dissequestro dell'area adiacente a Palazzo Carpeneto, dando così la possibilità di avviare i lavori di consolidamento dello stabile da cui, nell'inverno scorso, cadde un pezzo di tegola lungo la via sottostante. E proprio quella tegola caduta ( e l'esposto che ne seguì dell'allora responsabile dell'Ufficio tecnico) bloccò la ristrutturazione dell'edificio e soprattutto divise in due il paese per nove mesi: infatti la Procura decise di sequestrare l'area e inviò due avvisi di garanzia al sindaco Anna Rigazio e all'assessore Gianni Castello.

«Ora, fortunatamente, almeno per quanto concerne il dissequestro dell'area, tutto sta procedendo a dovere - precisa il primo cittadino - . Non solo abbiamo potuto riaprire i collegamenti rimasti chiusi in questi mesi, quello pedonale verso largo Pagliaro e quello di via Romualdo Bobba, ma abbiamo potuto anche installare un ponteggio che assicura il transito e che darà la possibilità di fare i lavori dove servono». La nuova impalcatura consentirà di svolgere un sopralluogo sul tetto perché non era più possibile salirvi dall'interno dell'edificio. «Una volta visto il da farsi- continua Rigazio - verrà indetto un appalto per ristabilire il livello minimo di sicurezza dell'edificio. Adesso non sono in programma opere più consistenti».

La priorità

La vera priorità del paese, il completo dissequestro dell'area con la possibilità di accedere direttamente alle scuole (proprio a ridosso di palazzo Carpeneto), è però stata soddisfatta. Singolare l'escalation che portò al sequestro di tutta la zona: un venerdì di fine novembre cadde una tegola dal tetto del palazzo e si constatò che il passaggio pedonale non era più transitabile. Successivamente l'Ufficio tecnico comunale decise di chiudere via Bobba . Ma qui sono iniziati i problemi: via Bobba, infatti, è una strada con diversi negozi ed è zona molto trafficata: «Il giorno seguente- ricorda Rigazio - non trovando il responsabile dell'Ufficio tecnico ci siamo rivolti all'ingegnere Minella e, dopo un sopralluogo, si è deciso di aprire parzialmente la strada mettendo le transenne a ben due metri dall'edificio». Ma dopo qualche giorno ecco arrivare l'inaspettato esposto in Procura, il sequestro dell'area e i due avvisi di garanzia. «Ora l'area è stata dissequestrata- conclude Rigazio- ma il procedimento a carico mio e dell'assessore deve ancora concludersi».

BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore