scarica l'app
MENU
Chiudi
13/06/2019

Palazzetto, via libera dal Coni

La Nuova Sardegna - di Giovanni Bua

Domani è prevista in giunta l'approvazione del progetto definitivo ed esecutivo dell'ampliamento LA CASA DELLA DINAMO»SI PARTE DOPO L'ESTATE
di Giovanni BuawSASSARIL'ultimo via libera è arrivato. E, mentre l'Isola si prepara a tremare di gioia ed energia per accogliere i suoi Giganti, anche il presidente Stefano Sardara può tirare un sospiro di sollievo. L'agognato e indispensabile ampliamento del Palaserradimigni, irrinunciabile condizione per permettere ai biancoblù l'ennesimo step in avanti nella corsa che non sembra mai avere fine, si farà.Il 6 giugno è infatti arrivato l'ultimo parere "pesante" che mancava per far brillare la luce verde sul piano per portare il Palazzetto dagli attuali 4.178 a 5.652, con un + 1.474 che fa sognare i tifosi biancoblù di tutta l'Isola, quello del Coni. Che ha dato il suo via libera al progetto definitivo ed esecutivo realizzato dal raggruppamento temporaneo di imprese con Sbg & partners, Biggiguerrini, Shesa, ingegnere Antonio Fraghì, Mb enginnering e Lithos, che nell'aprile 2018 si sono aggiudicati l'appalto da circa 250mila euro per mettere su carta l'ampliamento che costerà 4 milioni e 300mila euro.Il progetto ora arriverà in giunta, quasi sicuramente già domani mattina. E potranno essere avviate le procedure per la gara d'appalto, forse già prima della fine del mandato. Male che vada il bando sarà uno dei primi atti del nuovo esecutivo, con l'esito della gara d'appalto che dovrebbe comunque arrivare tra settembre e dicembre, compatibilmente con le possibili grane che una gara a livello europeo può sempre comportare. Per i lavori finanziati con i fondi comunitari Jessica, bisognerà aspettare il 2020 e rispettare un serrato cronoprogramma che chiuderà i cancelli del palazzo solo da luglio a settembre, per non disturbare l'attività delle 42 società sportive che nel palazzetto di piazzale Segni portano avanti le più disparate discipline, tra cui chiaramente spicca la Dinamo.Da vedere ora gli elaborati finali, di cui anticipiamo due rendering (quelli pubblicati nei precedenti articoli erano delle bozze realizzate dall'ingegnere Giovanni Giraudi, autore del preliminare, poi superate nei successivi gradi di progettazione).Di sicuro è confermato l'ampliamento delle tribune centrali con la realizzazione di un terzo livello (che regalerà 550 nuovi posti), in sopraelevazione ai due esistenti, e la realizzazione dei due settori intermedi E e F (900 nuovi posti) che collegheranno le tribune al settore C creando un'unica e suggestiva arena di gioco, pronta ad accogliere i leoni biancoblù.©RIPRODUZIONE RISERVATA