MENU
Chiudi
18/12/2018

Palasport, sette cordate per aggiudicarsi l’appalto

Il Trentino

Al via la gara per assegnare la commessa del palazzetto che sorgerà alla Baltera Fra i pretendenti il colosso Integra, la trentina Collini e ditte di Roma, Bari e Gela
di Gianluca Marcolini RIVA Sette pretendenti per un lavoro da dieci milioni di euro (10.675.240,44 la cifra esatta al centesimo). Ieri mattina, nella sala aste degli uffici di Trento dell'Apac, l'agenzia per gli appalti e i contratti della Provincia, si è formalmente aperta la procedura di assegnazione della commessa riguardante la realizzazione del nuovo palazzetto dello sport di Riva, che dovrà sorgere alla Baltera. Non è bastata la giornata di ieri a portare a compimento la prima parte della gara. Sarà necessario, infatti, convocare un'altra seduta (la data più probabile è subito dopo le feste natalizie) per concludere l'esame delle offerte pervenute entro i termini fissati dal bando, iter propedeutico all'ammissione delle "candidature" alla fase di valutazione tecnica ed economica al termine della quale verrà decretata la proposta migliore che dunque (al netto di eventuali ricorsi) si aggiudicherà l'appalto. La commissione composta interamente al femminile ha preso in esame la corposa documentazione inviata dalle ditte in forma telematica. A partecipare alla gara d'appalto indetta dalla Patrimonio del Trentino Spa, per conto di Riva Fierecongressi, sono sette Ati, associazioni temporanee di impresa. Fra queste solo una è "made" in Trentino, quella composta dalla Collini (la ditta capogruppo) e dalle mandanti EdilTione, Grisenti, Heliopolis e Nerobutto, mentre le altre sono (in parte o totalmente) provenienti da fuori provincia. Fra chi aspira a ottenere l'importante commessa c'è anche il colosso bolognese Integra, che ha in curriculum lavori da svariate decine di milioni di euro come il "people mover" di Bologna, la tramvia di Firenze, la linea C della metro di Roma, il sottoattraversamento del fiume Isarco. Il Consorzio Integra, per partecipare alla gara, ha formato l'Ati con il Consorzio Lavoro Ambiente di Trento e la rivana Gruber srl: Integra detiene il 58% dell'associazione, Cla il 26% e Gruber il rimanente 15%. Bresciana, invece, è la capogruppo dell'Ati che fa riferimento all'Alfa Sogemi srl e che è composta anche dalla Nieder di Sondrio, dalla Duci di Bergamo e dalla bolzanina Technik Bau. Il lotto delle pretendenti è completato dalla cordata capeggiata dalla romana Conpat scarl, dal Consorzio Stabile Com di Modugno (Bari), dalla siciliana Ergo Meccanica, con sede a Gela, e quindi dal Consorzio Stabile Alveare Network di Roma. Il Palasport sorgerà sull'area ex Betta nel quartiere della Baltera a Riva e manderà finalmente in pensione il vecchio "tendone" all'ex Rigotti. Il pool di imprese che vincerà l'appalto avrà 200 giorni di tempo, dall'assegnazione, per portare a compimento l'opera.

Foto: L'area ex Betta accanto al quartiere fieristico


Foto: Il rendering del futuro palazzetto dello sport di Riva che sorgerà alla Baltera

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore