scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
20/04/2021

Ospedali, più soldi a oltre 50 ausiliari di Mede e Casorate

La Provincia Pavese - S.Bar.

l'accordo
medeUn aumento salariale medio di 153 al mese, 18 contratti stabilizzati e un appalto confermato per cinque anni. È questo il frutto del rinnovo dell'appalto esterno per il personale sanitario ausiliario dei reparti di riabilitazione degli ospedali di Mede e Casorate. Un accordo che riguarda in tutto 54 dipendenti, tutti della società Kos di Milano. Per 18 di loro, che erano precari, con il rinnovo è arrivata anche la stabilizzazione del rapporto di lavoro con Kos. L'appalto durerà quindi fino alla primavera 2026. Il rinnovo arriva dopo un periodo di fibrillazione. Inizialmente infatti Kos aveva perso il bando, ma la ditta vincitrice è stata esclusa per mancanza di requisiti. A fornire l'appalto è l'Asst di Pavia, la società pubblica che controlla gli ospedali provinciali pubblici, ad eccezione del policlinico San Matteo di Pavia.«Il nuovo accordo rassicura così anche i lavoratori che prestano servizio per il gruppo Kos da 8 anni e che erano preoccupati per il loro futuro - spiega i sindacalisti Patrizia Sturini (Cgil), Domenico Mogavino (Cisl) e Andrea Galeppi (Uil). - Il gruppo Kos ha recepito la nostra richiesta per un riconoscimento economico a tutto il personale, che ha garantito continuità assistenziale in un momento di incertezza e di pandemia. Ci è stato assicurato che a tutto il personale attualmente in servizio verrà riconosciuto un superminimo per adeguarsi al contratto collettivo nazionale della sanità privata. Quindi un aumento medio di 153 euro, rispetto al contratto applicato ora dal gruppo Kos».Attualmente i dipendenti ausiliari dei due reparti di riabilitazione di Mede e Casorate sono inquadrati con il contratto nazionale "Aris-Rsa", quello delle case di riposo. «Un contratto scaduto nel 2012 e che auspichiamo possa essere adeguato a breve», chiudono i referenti provinciali di Cgil, Cisl e Uil.--S.Bar.