scarica l'app
MENU
Chiudi
01/10/2019

Ospedale Erzelli il bando è come un thriller

La Repubblica - Marco Preve

La sanità
È un bando a forte suspense quello per la realizzazione e gestione del futuro ospedale degli Erzelli. Il bando della Regione attraverso Alisa (l'agenzia per la sanità ligure) è scaduto ieri a mezzogiorno e a quanto sembrerebbe dalle prime informazioni non sarebbero pervenute offerte. Proprio l'assenza di soggetti interessati sarebbe stata la causa della proroga di questa estate. Il bando in origine scadeva il primo luglio ma era stato posticipato a ieri. La nota di Alisa spiegava così la proroga: "a seguito di istanze avanzate da operatori del settore, in considerazione della complessità dell'oggetto dell'affidamento, dalla quale scaturisce la necessità di consentire un'accurata formulazione progettuale della proposta ed al fine di favorire la maggiore e più ampia partecipazione...". Ma i due mesi non sembrano aver risolto la situazione.
Walter Locatelli commissario di Alisa ieri nel tardo pomeriggio spiegava: "In effetti ad oggi non risultano esserci delle offerte, preferisco però aspettare domani sera ( mercoledì, ndr) per fare il punto sia perché ora sono fuori Genova e potrebbero non avermi informato nel dettaglio sia per far passare i due giorni necessari ad eventuali offerte spedite via raccomandata". All'operazione sembravano interessati i colossi lombardi della sanità Humanitas e San Raffaele, disposti ad investire 200 milioni per realizzare un ospedale privato ma convenzionato costruendo anche residenze universitarie. Pare che uno dei punti critici del bando sia la volontà della giunta Toti di far acquistare il terreno dalla Regione e di mantenere quindi pubblici i muri del futuro ospedale. Le prossime ore diranno se in zona Cesarini qualche gruppo ha presentato un'offerta o se invece il bando è andato deserto.