scarica l'app
MENU
Chiudi
07/07/2020

OSARE SIGNIFICA FACILITARE LA VITA

La Gazzetta Del Mezzogiorno - BENIAMINO A. PICCONE

PICCONE
>> CONTINUA DALLA PRIMA Il grande giurista Arturo Carlo Jemolo nel magistrale "Anni di prova" che in Anni di prova rimpiangeva l'Italia di Giolitti: "In questo ricordo della burocrazia del tempo di Giolitti ravviso ancora un elemento comune con la scuola: l'idea del servizio. Si sa che la burocrazia non è un fine a se stessa, è al servizio del Paese; chi domanda informazioni, chi inoltra reclami magari infondati, chi avanza denunce o proteste, non è un seccatore, è il cittadino, il nostro padrone". Se queste premesse, il presidente del Consiglio Giuseppe Conte - appena confrontatosi sia con Nicola Zingaretti, leader del Partito Democratico, suo alleato di governo - ha dichiarato che bisogna "osare" e ha intenzione di portare all'approvazione del prossimo Consiglio dei ministri un "decreto semplificazione", con all'ordine del giorno il codice degli appalti (mentre parliamo del Ponte sullo Stretto, vicino casa mia sono passati quattro anni dall'ini zio della realizzazione di una pista ciclabile, non ancora completata), la riforma dell'abuso d'ufficio, misure di semplificazione digitale (lo smart working deve essere efficace, non un modo per eludere il servizio al cittadino, come ben ha sostenuto Pietro Ichino). Semplificare significa togliere, rendere agile il contesto economico e civile. Speriamo che nuove norme non appesantiscano il corpus esistente. Mentre nei Paesi del Nord Europa sono in vigore circa 5.000 leggi, qui in Italia ne abbiamo, stimate, oltre 150mila, 30 volte tanto. E come si fa ad adempiere a tutte queste leggi-ginepraio? Impossibile. Il cittadino è quindi considerato un suddito, da vessare. Noi ci accontenteremmo di norme leggibili. La burocrazia è un Moloch irriformabile anche nel linguaggio, astruso e gattopardesco. Italo Calvino nel 1965 prese in giro il burocratese imbalsamato e constatò l'esistenza dell'an tilingua: "Ogni giorno, soprattutto da cent'anni a questa parte, per un processo ormai automatico, centinaia di migliaia di nostri concittadini traducono mentalmente con la velocità di macchine elettroniche la lingua italiana in un'antilingua inesistente. Avvocati e funzionari, gabinetti ministeriali e consigli di amministrazione, redazioni di giornali e di telegiornali scrivono parlando nell'anti lingua. [...] Nell'antilingua i significati sono costantemente allontanati, relegati in fondo a una prospettiva di vocaboli che di per se stessi non vogliono dire niente o vogliono dire qualcosa di vago o sfuggente". Come scrisse Natalia Ginzburg nel 1981, "La nebbia è salita al potere, essa è il potere; e la gente si sottomette alla nebbia, e a contemplare la vita pubblica come qualcosa di contorto, di inestricabile e di sibillino. E tuttavia, quando appare un lampo di chiarezza, ci si sente rivivere". Se non approfittiamo della discontinuità del Coronavirus per riformare il nostro apparato normativo e burocratico, forse non avremo un'altra occasione. Favoriamo il merito e facciamo lavorare le intelligenze, numerose, presenti nella pubblica amministrazione. Beniamino A. Piccone