scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
13/08/2021

Opposizione all’attacco: «Il Comune ha perso l’occasione per il bando delle città murate»

QN - La Nazione

CORTONA La mancata partecipazione da parte del Comune di Cortona al bando regionale per le città murate che ha elargito ben 6 milioni di euro a 36 realtà toscane (indirizzati alla valorizzazione e manutenzione per le mure di cinta dei borghi), ha alzato una cortina di polemiche politiche. A fare le proprie rimostranze a mezzo stampa ci hanno pensato il movimento 5 stelle il gruppo di rifondazione comunista cortonese e il pd. «Crediamo che Cortona meriti molto di più - tuonano dai 5 stelle - molta più attenzione e rispetto, e il suo patrimonio storico-artistico e culturale vada necessariamente curato e valorizzato il più possibile. Dispiace che invece anche mura di oltre 2000 anni debbano subire questo trattamento indegno, dispiace ancora di più che l'amministrazione cortonese confermi quella che sembra essere una sua precisa linea politica: non partecipare a nessun bando che distribuisce risorse utili alla nostra città.Era già successo con i contributi statali finalizzati al recupero e manutenzione di edifici scolastici, strade, ponti e dissesto idrogeologico, oggi succede di nuovo anche per il bando regionale per le città murate». Analoghe osservazioni le fa il circolo del Prc Censi che ricorda anche che sono otto i comuni della Provincia di Arezzo a cui sono stati assegnati i contributi, tra cui Marciano della Chiana (200 mila euro per il progetto dei camminamenti sotterranei del castello e Lucignano (200 mila euro per la valorizzazione della fortezza medicea). «I nostri amministratori erano stati portati formalmente a conoscenza del bando e della sua scadenza dalle forze di opposizione presenti in consiglio», spiegano dal Prc. «Tant'è che il primo cittadino si è giustificato schernendo la minoranza, che di contributi ne avevano già chiesti troppi quelli di prima! 30 anni ci sono voluti per fare di Cortona il soggetto capofila tra i comuni di vallata, ne sono bastati due per ritrovarci fanalino di coda». Tuona anche il Pd, per bocca del segretario locale Luca Bianchi: «A questa amministrazione non manca solo la visione strategica, ma anche la capacità di azione». La.Lu.