scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
13/05/2021

Opere olimpiche, il governo accelera «A breve società e commissario»

Il Mattino di Padova - Edoardo Bus

Il vice ministro Morelli al tavolo di coordinamento con le Regioni coinvolte. «Previsti 60 interventi per 11 miliardi di euro»
Edoardo Bus / VERONARiuscire a realizzare in tempo per le Olimpiadi invernali Milano-Cortina del 2026 le opere infrastrutturali necessarie non sarà semplice, per questo tutti i presidenti di Regioni e Province Autonome - Attilio Fontana, Luca Zaia, Maurizio Fugatti e Arno Kompatscher - interessati dagli interventi infrastrutturali funzionali allo svolgimento dei Giochi olimpici si sono trovati concordi nel chiedere a gran voce la nomina di un commissario ad hoc. Il vice ministro per le Infrastrutture e le Mobilità sostenibili, Alessandro Morelli, alla prima seduta del tavolo di coordinamento che si è svolta a Verona non si è tirato indietro, anzi. «Per le Olimpiadi c'è la "necessità di un commissario - ha riconosciuto -. Per cui le priorità sono, nell'ordine, la chiusura a breve della partita della società delle olimpiadi e immediatamente dopo la nomina del commissario». Morelli parla della costituenda società partecipata per il 70 per cento dal Ministero dell'economia e delle finanze e dal Ministero delle infrastrutture e dei trasporti (con due quote del 35%); per il 20% dalla Lombardia e dal Veneto (con due quote del 10 per cento); e per il 10 per cento dalle Province autonome di Trento e di Bolzano (con due quote del 5 per cento). E aggiunge sul secondo punto: «il Paese vive sotto il giogo di un codice degli appalti che è ormai una non norma. Sono già state commissariate 60 opere e ne commissarieremo altre 25 nelle prossime settimane, a maggior ragione abbiamo la necessità di commissariare un evento come questo. Il Codice degli appalti - ha concluso - deve essere sospeso almeno fino alla fine della crisi economica perché non è coerente con le necessità di questo Paese».Morelli ha poi parlato di 60 opere e di 11 miliardi di investimenti che, a vario titolo, riguarderanno le Olimpiadi, tra strade, autostrade, infrastrutture tecnologiche. Insomma, nella riunione, che è stata definita da tutti «fruttuosa e necessaria» è stato fatto il punto della situazione sugli interventi infrastrutturali programmati e il relativo coordinamento, che spetta - come da recente delega - proprio a Morelli, vice del Ministro delle Infrastrutture Enrico Giovannini. Nello specifico un miliardo di euro è stato stanziato dal Ministero per le opere infrastrutturali. Di cui 473 milioni di euro per opere nella Regione Lombardia, 325 milioni nella Regione Veneto, 82 milioni nella Provincia autonoma di Bolzano, 120 milioni in quella di Trento.Dai 325 milioni che interessano il Veneto il presidente Luca Zaia ha ricordato : «Riguarderanno in particolare la circonvallazione di Cortina d'Ampezzo e la variante di Longarone (Belluno)». Si è anche brevemente soffermato su Verona che, oltre ad essere interessata da un finanziamento per la statale 12, «ospiterà la serata conclusiva dei Giochi in Arena».Zaia ha poi aggiunto che 145 milioni saranno destinati alle strutture sportive, con particolare riguardo ai palazzetti e si è detto certo che «le Olimpiadi cambieranno la storia del Veneto».Brevi commenti anche da parte di Fontana: «Abbiamo bisogno di procedure accelerate per arrivare in tempo»; Fugatti: «Era necessario questo incontro di coordinamento tra noi» e Kompatscher: «È importante collegare la Val Pusteria e Cortina e investire sulla mobilità sostenibile con l'idrogeno. Per questo investiremo 300 milioni del bilancio dell'Alto Adige».«Dobbiamo recuperare un po' di tempo perduto» ha confermato Morelli «ma sono convinto che, grazie all'impegno delle persone che in questo momento e in questi mesi ci hanno sempre messo la faccia per rappresentare l'efficienza di loro territori, riusciremo a dare un nuovo grande contributo al Paese. Sarà una grande opportunità di rilancio per il Paese, anche per le decine di migliaia di posti di lavoro che verranno creati - ha concluso il viceministro - e l'auspicio è quello di dare all'Italia una primazia in campo mondiale riguardo alla digitalizzazione delle Olimpiadi e che anche i trasporti siano protagonisti della digitalizzazione. Il Governo si mette a disposizione dei territori, ho anche suggerito ai presidenti di fare un road show nel Paese, per presentare all'Italia le straordinarie opportunità che potranno arrivare da questo evento». --© RIPRODUZIONE RISERVATA