scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
22/06/2021

Oltre 10 anni di lotte operaie: con Amazon si riparte da capo

Il Fatto Quotidiano - Marco Palombi

DAL 2008 A OGGI
IL CASO TNT-FEDEX LE COOPERATIVE SONO IL PASSATO: ASSUMERE (POCO) PER PAGARE MENO
Ci sarà tempo per tornare a dimenticarsene, ma in questi giorni - tra i mazzieri del Lodigiano e l ' omicidio di Novara - lo scontro tra capitale e lavoro nella logistica si è guadagnatoun po ' di attenzione tra i grandi media. Quando il fascio di luce si sarà spento converrà ricordare che quel che è accaduto in questi giorni - esito mortale a parte (anche se c ' è il precedente del sindacalista Abd el Salam a Piacenza nel 2016) - accade ogni settimana nel disinteresse di stampa e politica: la conflittualità operaia nella logistica va avanti da oltre dieci anni e, caso raro, ha spesso portato risultati. Le lotte partite dai facchini della cinturadi Milanoall ' alba della crisi finanziaria del 2008 hanno via via incendiato i magazzini di mezza Italia e cambiato quel mondo sotto le insegne del sindacalismo di base: proprio le conquiste operaie, insieme all ' avvento del modello Amazon, costringono il settore a riorganizzarsi, provando a stringere un ' alleanza col sindacalismo " res ponsa bile " dei confederali e sfruttando la disponibilità di nuova forza lavoro resasi disponibile nei periodi delle chiusure da Covid. È QUEL CHE ACCADE in questi mesi ad esempio in una grande vertenza come quella Fedex-Tnt che è al centro degli scontri di Tavazzano. La torta d ' altronde è di quelle appetitose: il settore pre-Covid valevaall ' ingrosso il 7% del Pil (quasi 120 miliardi di euro) e solo nel movimento delle merci a terra contava 100mila imprese, spesso piccole o piccolissime, e 900mila occupati. C om ' era il mondo vecchio (che in qualche posto c ' è ancora)? Compressione selvaggia dei salari via subappalti affidati a cooperative di breve vita, coi " soci lavoratori " , spesso immigrati, tenuti nella perenne paura del licenziamento, costretti a turni assurdi, a ritmi infernali, a subire veri e propri furti in busta paga. È in questo contesto che un decennio fa il sindacalismo di baseriesce a organizzare le prime lotte: d ' altra parte non si può " de l o c a li z z a r e " il traffico merci più di tanto e il rispetto dei tempi è parte rilevante di questa industria (bloccare i camion fa sanguinare le imprese ogni ora che passa). Scioperi e picchetti, ancorché spesso repressi con durezza dalle forze dell ' ordine, hanno portatorisultati: ilpiùrilevante è che tra i corrieri diminuiscono le cooperative e aumentano Srl e assunzioni dirette, gli stipendi sono cresciuti anche tra i subappaltatori arrivando a volte a superare quelli garantiti dal Contratto nazionale (firmato solo dai confederali). Non solo: quei metodi di lotta hanno " c o n t a g i at o " anche settori limitrofi, come la filiera dell ' agroalimentare, in particolare in Emilia-Romagna. Le leggi sui blocchi stradali o sui reati di piazza firmate da Matteo Salvini (e reclamate a gran voce dalle imprese) sono state la reazione padronale: le centinaia di processi in corso e i ripetuti arresti di sindacalisti in tutta Italia il loro risultato. All ' aumento del costo del lavoro, che rende meno utile il ricorso ai subappalti, si è aggiunto l ' effetto del modello Amazon. Qui il rispetto formale dei contratti, che ovviamente include quelli precari (interinali e somministrati su tutti), si declina in un ' organizzazione del lavoro post-umana: riduzione al minimo delle pause, controllo di ogni attività da parte dei capisquadra, tempi di lavoro assoggettati a quelli di algoritmi erobot operativi, gamifica tion (tipo le " medaglie tte " d at e a chi fa più consegne). Il massimo d ' innovazione riporta insomma il terreno di scontro sulla frizione tra corpo del lavoratore etempi dellamacchina: siamo al Chaplin di Tempi moderni . Amazon ormai domina, per l ' integrazione verticale tra servizi di vendita e consegne, nel settore in più rapido sviluppo della logistica: il cosiddetto " B2C " , business to consumer , in soldoni i pacchi che arrivano a casa. Sull ' abuso di posizione dominante del gruppo di Jeff Bezos in questo segmento di mercato indaga da tempo l ' An tritrust: qualsiasi cosa decida, Amazon ha già cambiato l ' in dustria della logistica. La vertenza Fedex-Tnt da cui siamopartiti neè unesempio di scuola. Nell ' ambito di un piano industriale che nessuno ha visto, il colosso ha annunciato 6.300 esuberi in Europa: in Italia, nonostante un impegno formale a non farlo preso in Prefettura, questo ha comportato la chiusura dell ' hub di Piacenza e la perdita del lavoro di quasi 300 persone (alcune delle quali protestavano a Tavazzano). Molti altri lavoratori in Italia, invece, hanno dovuto scegliere se essere assunti direttamente da Fedex invece che lavorare in subappalto: la decisione parrebbe facile, ma non lo è perché il contratto nazionale è assai meno remunerativo di quello aziendale strappato a colpi di scioperi e picchetti. ALLA FINE di questo processo di ristrutturazione, la multinazionale avrà più dipendenti diretti, ma avrà scaricato i subappalti per cui era comunque responsabile in solido: potrà non solo tenersi alcune ditte satellite, ma iniziare a usare interinali & C., liberarsi dei lavoratori più sindacalizzati, cancellare le conquiste contrattuali del decennio precedente. L ' accordo che glielo permette è stato firmato dalla Filt Cgil, che ovviamente lo difende, forse nell ' idea - dopo aver appoggiato per anni il sistema delle coop - che riportare tutti i lavoratori sotto il Ccnl sia utile a strappare in futuro rinnovi vantaggiosi, di certo sarà utile a isolare i sindacati di base che l ' hanno messa in minoranza nei magazzini.
L ' ANALISI AGCOM SUL SETTORE UNO STUDIO d e l l ' Agcom sui servizi postali di ogni genere, iniziato nel 2018 e ancora in corso, ha individuato solo 17 operatori rilevanti: Amazon, Asendia, Brt, Citypost, Dhl, Elleci, FedEx, GLS, Hermes, Milkman, Nexive, Poste Italiane, Rpost, Schenker Italiana, Sda, Tnt, Ups. Nelle consegne a casa, Amazon è passata dal 2016 al 2019 dal 17 al 59% del mercato " deferred " (consegne in 3-5 giorni lavorativi), dal 3 al 24% di quelle " e s p r e ss e " , guidato da Gls col 40%: nel 2020 dovrebbe aver conquistato ulteriori quote di mercato