scarica l'app
MENU
Chiudi
05/09/2018

Offese su Facebook, Presutti a giudizio

Il Centro

avezzano, POLITICA social
L'assessore denunciato da Daniela Stati per le accuse sugli appalti comunali. La difesa: «Ho solo espresso le mie idee»
di Pietro Guida AVEZZANO È stato rinviato a giudizio davanti al tribunale di Avezzano con l'accusa di aver offeso la reputazione di Daniela Stati mentre era assessore comunale di Avezzano con delega alla Viabilità e all'Arredo urbano. L'attuale assessore all'Ambiente, Crescenzo Presutti , è finito nei guai per una frase scritta su Facebook nel mese di luglio del 2016. Per il noto penalista avezzanese l'accusa è di diffamazione, con l'aggravante di offesa recata a un corpo politico, amministrativo o giudiziario. Secondo l'accusa, Presutti ha affermato con un post: «Se non fai il bando e distribuisci tanti piccoli incarichi a svariate ditte e cooperative (sempre sotto la soglia comunitaria) ti fai tanti amici. Le elezioni si avvicinano. La precarietà rende schiavi. Vale anche per i voucher». E, inoltre, ha scritto pubblicamente: «Non hai fatto rispettare la legge. Avete frazionato il contratto e fatto affidamenti diretti senza indire gara. In ogni caso osservo che il nuovo codice degli appalti che non comprendete è entrato in vigore a fine aprile. Tu sei stata nominata assessore il 6 gennaio. Ecco la differenza tra noi. Io pretendevo il rispetto delle regole. Così le avete violate. Continuate così...». Tutto ciò con l'ulteriore aggravante dell'offesa consistita nell'attribuzione di un fatto determinato. L'indagine, scaturita da una specifica denuncia della Stati, è stata coordinata dal pubblico ministero Andrea Padalino . La Stati, in passato, è stata anche assessore regionale alla Protezione civile. Presutti, da parte sua, si dice tranquillo per aver espresso «le proprie idee». «Credo che esita il diritto di critica politica», questa la reazione a caldo dell'assessore alla notizia del rinvio a giudizio. «Ho semplicemente criticato un'azione amministrativa», ha spiegato Presutti, «e si tratta di critiche che ogni cittadino è libero di fare. Tra l'altro, sulla questione ci siamo anche chiariti con la Stati. Al di là di tutto, non mi preoccupo, passerà anche questa». I due politici sono anche vicini di casa. «Comunque sia», ha chiosato l'assessore Presutti, «dimostrerò la mia posizione e spiegherò le mie ragioni nelle sede opportune e carte alla mano». Non è la prima volta che l'utilizzo di Facebook mette nei guai Presutti. Nei giorni scorsi, l'assessore all'Ambiente era finito alla ribalta delle cronache per un'altra vicenda legata al social network più conosciuto al mondo. Aveva postato infatti una foto di parcheggi selvaggi a Celano e il popolo social si era scatenato dividendosi tra sostenitori ma soprattutto contestatori. L'esponente della giunta De Angelis aveva però chiarito spiegando di essere stato mal interpretato. Presutti è difeso dall'avvocato Franco Colucci . L'udienza è stata fissata per il prossimo 9 ottobre.

Foto: Crescenzo Presutti attuale rappresentante della giunta


Foto: Daniela Stati assessore comunale nel 2016