scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
07/09/2021

Obbligo vaccini e appalti corrotti

La Repubblica

Il bene collettivo deve valere sempre / Torino Lettere
Stefano Masino "La tua libertà finisce dove inizia quella degli altri". Questo bellissimo aforisma attribuito a Martin Luther King, molto battuto in questo periodo per contrastare il fenomeno "No-Vax", sarebbe anche giusto e applicabile subito nella pratica non fosse altro che a proferirlo non è Martin Luther King ma una classe politica ferma da decenni. Se diciamo a un non vaccinato che, in caso di ricovero, si dovrà pagare le spese sanitarie (ma non paga le tasse per future malattie?); ebbene cosa diremo a un governatore del Piemonte, a un intero consiglio regionale, ad amministratori locali per esempio per la costruzione del nuovo ospedale a Nizza Monferrato, fermo da anni perché edificato sopra un ex stagno di rane (20 milioni di euro in più per la variante buttati inutilmente), oppure ancora per l'autostrada Asti-Cuneo mai completata? Da Torino sono transitati diversi governatori di sinistra e di destra, tra cui gli ottimi Chiamparino e Cirio, ma la situazione non è cambiata, promesse futuristiche a parte. In questo scempio edilizio e di appalti pubblici, in questo buco nero nei bilanci statali e regionali, non vale più il bene collettivo? E' soltanto tutta retorica.

Foto: Lettere Via Lugaro, 15 10126, Torino


Foto: E-mail Per scrivere alla redazione torino@ repubblica.it