scarica l'app
MENU
Chiudi
23/04/2020

Nuovo scontro tra Comune e Regione

QN - La Nazione

Bando affitti
AREZZO Bando affitti, non si ferma il botta e risposta tra l'assessore regionale Vincenzo Ceccarelli e gli assessori Lucia Tanti e Tiziana Nisini. «Il Comune di Arezzo sa benissimo quante risorse ha a disposizione per far uscire il bando per il sostegno agli affitti. Se parte delle risorse comunicate a suo tempo dalla Regione al Ministero sono state già impiegate, utilizzino subito quelle che hanno in cassa. Il problema vero, semmai, è che se non si dà da fare e non si sbriga». Aveva risposto Ceccarelli all'accusa delle aretine di non aver fatto chiarezza su quanto spettasse al Comune. «La Regione ha creato le premesse perché i Comuni possano sfruttare da subito e per i soli prossimi tre mesi le risorse che erano state già assegnate per l'intero 2020 e che hanno già incassato. Se Arezzo non fa il bando al più presto, provoca un danno agli aventi diritto. Colgo anzi l'occasione - conclude Ceccarelli - per chiedere agli amministratori aretini se pensano di aggiungere al bando, finanziato con risorse statali e regionali, risorse proprie». La risposta non ha tardato. «I casi sono due: o l'assessore Ceccarelli parla senza sapere oppure la sua è soltanto una posizione politica strumentale. In entrambi i casi, i fatti e i numeri gli danno torto». «Secondo la tabella predisposta dalla Regione - spiegano Nisini e Tanti - il Comune di Arezzo avrebbe a disposizione 373.914 euro di risorse libere più 200.000 euro di residuo morosità destinato al contributo per canoni di locazione 2020. Il calcolo è sbagliato. Già dal 2 aprile gli uffici hanno segnalato che il Comune ha destinato 200.000 euro al contributo affitti: la somma quindi di 373.914 euro più 200.000 è completamente sballata, a meno che la Regione non stia per liquidarci altri 200.000 euro per questa misura, raggiungendo la cifra promessa di mezzo milione che altrimenti risulterebbe farlocca. Rassicuriamo Ceccarelli sul fatto che il Comune metterà a disposizione dei cittadini tutte le risorse disponibili e lo farà in modo celere non appena il suo assessorato fornirà ai comuni cifre chiare e senza ambiguità». Gaia Papi © RIPRODUZIONE RISERVATA