scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
19/02/2021

«Nuovo bando parcheggi fermiamolo per una stagione di interventi pianificati»

La Gazzetta Del Mezzogiorno

AL SINDACO, GIUNTA E CONSIGLIO
l «Se non ora quando? Bisogna fermare il nuovo bando parcheggi per avviare una stagione di interventi organici al servizio della città». In una lettera aperta al sindaco, alla giunta e ai consiglieri comunali, i cittadini residenti nelle zone Sassi e Centro storico «ribadiscono con forza l'invito all'Amministrazione comunale di fermare il nuovo bando per la gestione dei parcheggi il tempo necessario all'avvio di una nuova stagione di interventi concertati con i cittadini e pianificati secondo una logica di propedeuticità e lungimiranza». «Le questioni poste nei giorni scorsi dai cittadini non riguardano piccoli interessi di parte e non meritano una derubricazione a mezzo stampa a mera questione di costi per abbonamenti. Scaturiscono invece dal vissuto quotidiano di tante persone in un'area vasta, articolata e fragile come quella dei Sassi e di tutto il Centro storico, compresa e compressa da un'arteria fondamentale quale è via Lucana, area su cui insiste tutto il resto della città e, al netto dell'attuale fase pandemica, tutto il flusso di visitatori che quotidianamente entra in città. Dovrebbe essere per questo stesso motivo fondamentale e urgente assumere la questione della regolazione dei flussi di traffico, quella dei parcheggi, quelli dei servizi disponibili per le specifiche esigenze dell'area, in maniera non burocratica o votata alla (solita) gestione dell'emergenza, e invece quantomeno in una logica di propedeuticità: interventi progressivi e parziali secondo possibilità del momento, ma comunque inserite in un percorso coerente in cui ogni passaggio è sostanziale ed efficace». «In questo approccio si inserisce la richiesta di tantissimi cittadini reiterata in questi giorni: fermare ora il nuovo bando per la gestione dei parcheggi per dare ora organicità e prospettiva al ridisegno del sistema della mobilità e dei servizi connessi nella città di Matera e in particolare di tutto il Centro storico. Costituisce un paradosso infatti che, nel momento in cui è allo studio un Piano urbano della mobilità sostenibile - il cui redattore peraltro chiede accoratamente seppur garbatamente di fare chiarezza sulle scelte di fondo dell'Amministrazione - si vadano compiendo atti fondamentali e "strategici" senza alcun costrutto reale: vedi snodo di piazza della Visitazione e scuola Torraca, vedi bando parcheggi... laddove poi ci si costringe (e si costringe la città) a situazioni condizionanti e deleterie». «Si abbia il coraggio di fermarsi in tempo e darsi il tempo di fare scelte ragionate e lungimiranti; si abbia il coraggio di dare ai dirigenti indicazioni chiare e vincolanti non solo per la correttezza formale degli atti ma anche per la traduzione in atti di una visione, un approccio, un disegno di città vivibile e sostenibile. Avvisiamo la nuova amministrazione, nella considerazione anche della "novità" di questa consigliatura, che non ci sarà altrimenti "patto" bastevole a risolvere gli annosi problemi di Matera, e per questo, consegnando in uno a questa nota una serie di annotazioni specifiche, invitiamo Sindaco, assessori e consiglieri all'incontro che i cittadini firmatari organizzeranno nei prossimi giorni per meglio illustrare e discutere le proposte "dal basso" che si intendono offrire all'Amministrazione con senso di corresponsabilità e partecipazione vera. Fermate quel bando ora». MATERA Il Municipio