scarica l'app
MENU
Chiudi
14/03/2020

Nuovi 50 casi nel Lazio “Ora il picco post-movida” Muore militare di 59 anni

La Repubblica - Lorenzo d'Albergo

Il contagio
Terapia intensiva: presto altri 72 posti Il dolore dei parenti dell'ufficiale. Raggi: "Daje che gliela famo"
Altri 50 contagi. E il conto è destinato a salire ancora. Perché i 200 casi conclamati di coronavirus registrati in tutto il Lazio fino a ieri sera sembrano essere soltanto un assaggio di quello che potrebbe accadere nei prossimi giorni. Perché in Regione, dove hanno ancora negli occhi gli aperitivi e le piazze della movida gonfie di ragazzi dello scorso fine settimana, lo dicono chiaramente: «I prossimi 3 o 4 giorni saranno fondamentali. Vedremo gli effetti di quei comportamenti. Capiremo quanta strada avrà percorso l'infezione prima della stretta». Prima del cosiddetto lockdown.
Se il peggio deve ancora arrivare, già ora non manca il lavoro negli ospedali: 85 infetti sono ricoverati con sintomi lievi, mentre 20 si trovano in terapia intensiva, intubati. Altri 67 sono seguiti a domicilio, mentre in 19 sono clinicamente guariti dal Covid-19. Da aggiornare, purtroppo, il numero delle vittime.
Da ieri, quando è venuto a mancare un ufficiale dell'Esercito, sono nove. Il militare, tenente colonnello in servizio al Segretariato generale della Difesa, è morto durante il viaggio verso il policlinico Umberto I. Michele Mozzicato, catanese, era a casa in malattia. Poi le condizioni sono improvvisamente precipitate. A soli 59 anni, l'ufficiale scomparso in ambulanza e poi risultato positivo al tampone è la vittima più giovane nel Lazio. Sposato, con due figlie, lascia una famiglia divisa tra il dolore e l'attesa dei test, effettuati ieri al Celio.
La cugina lo ricorda così: «Mi mancherà il tuo conforto. Stento a crederci, mi sento impotente. Non è possibile fare neanche il funerale di Stato, nessun funerale».
Il caso dell'ufficiale mostra la letalità del virus e che porta la Pisana a spingere sull'acceleratore: «Sono stati autorizzati altri 72 posti letto in terapia intensiva - spiega Alessio D'Amato, assessore alla Sanità - con ventilatori assistiti». Per averli bisognerà attendere tra i 2 e i 10 giorni.
Tra i posti che si aggiungeranno ai 157 già attivi, ci sono anche i 21 della Columbus. Il secondo Covid hospital, struttura a due passi dal Gemelli, aprirà lunedì e sarà subito chiamato a fare gli straordinari. Il trend dei contagi, infatti, preoccupa. Soprattutto nella capitale, dove il numero di infezioni è salito più che nel resto del Lazio. Ieri a Roma si sono registrati 24 nuovi casi, 11 nel resto della provincia, 15 tra Frosinone, Latina, Rieti e Viterbo. Sono 5.047 le persone in isolamento.
Insomma, il Lazio si prepara ad affrontare l'emergenza. E così anche il Campidoglio: oggi, in consiglio comunale, la maggioranza grillina chiederà aiuti per il settore turismo (dallo stop alla Tari a quella della tassa di soggiorno) e la sospensione delle rette degli asili. In ballo c'è anche un atto che impegnerà la sindaca a spingere sulla Regione per la riapertura del Forlanini. Un'opzione che la Pisana ha già definito impraticabile e che lascia presagire l'ennesimo scontro istituzionale tra 5S e dem.
Le stesse forze che, alleate al governo, sforneranno un decreto anti-coronavirus che accoglierà anche le richieste dell'Anci e della sindaca Virginia Raggi: gare più snelle per i lavori pubblici, in deroga al codice degli appalti, per ripartire dopo l'epidemia. Insomma, la prima cittadina pentastellata prova a guardare avanti: dopo aver dato del «cretino» a chi non rispetta le regole anti-contagio, al grido di «daje che gliela famo» ieri ha appeso uno striscione al balconcino del suo ufficio in Campidoglio: "Andrà tutto bene".

Truffa tamponi a casa

I cimiteri

Atac passeggeri -70%

I punti Il diario della crisi

2

1

3

Una finta nota audio in cui una donna, a nome della Protezione civile regionale, annuncia l'arrivo di sanitari per eseguire il tampone casa per casa. «È una truffa» avverte la Regione, che invita i cittadini «a non aprire la porta a operatori senza tesserino e senza che vi sia stato un contatto telefonico precedente».
In attuazione delle norme stabilite dal decreto della presidenza del consiglio, Ama comunica che nei cimiteri della capitale saranno garantite solo le operazioni di sepoltura.
Sospesi, invece, Gli altri servizi amministrativi non essenziali. L'Atac ha evidenziato che negli ultimi giorni, a causa del decreto governativo che ha chiuso scuole e negozi, e vietato gli spostamenti, nel tentativo di contrasto al Convid-19, i passeggeri sui mezzi pubblici della capitale sono calati dal 60 al 70%.

200

I casi positivi Nel Lazio ci sono attualmente 200 persone positive al Coronavirus

9


Le vittime Finora nel Lazio sono stati 9 i decessi legati all'infezione da Covid-19

Foto: iCon la tuta Due sanitari davanti a un'ambulanza vestiti con una tuta di contenimento: in questi giorni tutti gli interventi esterni di medici e infermieri vengono effettuati con questa tenuta