scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
26/05/2021

Nuova scuola, servono 11 milioni di euro

QN - Il Giorno

La don Gnocchi sarà abbattuta e ricostruita e l'ex oratorio diventerà centro residenziale
CONCOREZZO Una nuova scuola elementare da 11 milioni di euro. Per costruirla il sindaco Mauro Capitanio conta di intercettare i finanziamenti del ministero della Pubblica istruzione, aprire un mutuo trasformare l'ex oratorio femminile, di sua proprietà, in un quartiere residenziale in pieno centro. L'intenzione è di abbattere e ricostruire dalle fondamenta la scuola don Gnocchi di via Ozanam, in passato con l'amianto. Per l'operazione, secondo la stima fatta dall'ufficio tecnico comunale, servono 11milioni di euro. Questo importo prevede la demolizione e smaltimento della scuola esistente, la costruzione del nuovo edificio scolastico, della palestra e del giardino. «Nelle ultime settimane abbiamo lavorato in modo mirato alla definizione del piano delle azioni da compiere per la copertura del budget così da poter programmare la partenza di uno degli interventi più attesi in città», dice il sindaco Mauro Capitanio. «La prima opportunità per il reperimento dei fondi - 5 milioni di euro circa - è rappresentata dal bando ministeriale "Contributi per investimenti in progetti di rigenerazione urbana, volti alla riduzione di fenomeni di marginalizzazione e degrado sociale, nonché al miglioramento della qualità del decoro urbano e del tessuto sociale ed ambientale"». Sono inoltre stati aperti i contatti con la Gse, società pubblica di gestione dei servizi energetici, controllata dal Ministero dell'Economia e delle Finanze, e con la Cassa Depositi e Prestiti per la partecipazione ad altri bandi nell'ambito dell'efficientamento energetico. «Gli altri fondi - racconta Capitanio - verranno individuati tramite risorse proprie reperite grazie alla partecipazione a bandi regionali e all'accensione di mutui». Una prima fonte di finanziamento potrebbe essere l'ex oratorio femminile, che il Comune ha acquistato 10 anni fa dalla Parrocchia con l'idea di farci la nuova Residenza assistita per anziani. Progetto mai andato in porto. A questo punto l'oratorio dimesso, in pieno centro storico, potrebbe essere trasformato in un nuovo quartiere residenziale appetibile per imprese edilizie «dai proventi potrebbe arrivare un contributo importante per la realizzazione della nuova scuola». «Non possiamo lasciarci scappare questa occasione del bando ministeriale - dice intanto l'assessora ai Lavori Pubblici Micaela Zaninelli -, stiamo tutti lavorando per arrivare a presentare una proposta entro il 4 giugno». Antonio Caccamo