scarica l'app
MENU
Chiudi
02/09/2018

«Notte Bianca, pesanti dubbi sul bando»

QN - Il Resto del Carlino

di SILVIA SARACINO UNA GARA d'appalto di 9 giorni per ideare, coordinare e gestire tutta la notte bianca dell'8 settembre. Un solo partecipante, la società Fujiko che ha già collaborato con l'amministrazione agli eventi legati ai mercoledì d'estate. Un ribasso di appena 200 euro rispetto all'offerta del Comune di quasi 67mila euro. Una gara d'appalto che fa sorgere più di un sospetto al consigliere comunale di centrodestra Roberto Benatti il quale ha segnalato la procedura all'Anac, l'Autorità nazionale anti corruzione. Il 9 agosto il Comune pubblica sul Mepa (la piattaforma elettronica per i fornitori di pubbliche amministrazioni) la richiesta di offerta, con procedura negoziata, cercando una società in grado di programmare, organizzare, promuovere, coordinare, gestire gli eventi promozionali e commerciali della notte bianca di fine estate. Un evento la cui data, l'8 settembre, era stata decisa il 20 febbraio scorso. Si tratta di un'occasione ghiotta, 67mila euro per gestire un evento che si consuma in un'unica serata. Alla scadenza del termine per la presentazione delle offerte, il 18 agosto, quindi appena 9 giorni dopo, si presenta un solo fornitore: la modenese Fujiko, società molto conosciuta sul territorio e che ha già collaborato con l'amministrazione carpigiana per gli eventi legati ai mercoledì sera estivi. Fujiko ha presentato l'offerta economica più vantaggiosa (e anche l'unica): un ribasso di 200 euro a fronte di un importo a base gara di circa 67mila euro. La società ha presentato una proposta tecnicamente ottima, raggiungendo il massimo del punteggio assegnato nel bando di gara. «A me le gare con un solo partecipante non piacciono - dice Roberto Benatti - mi chiedo se da febbraio ad agosto l'assessore Morelli non abbia avuto neanche un istante libero per avviare la gara con congruo anticipo, in modo da avere più di un partecipante». Benatti sostiene, inoltre, che la società vincitrice potrebbe non avere i requisiti previsti dal bando perchè si sarebbe costituita nel marzo scorso. Il Comune replica spiegando che la Fujiko, per sopperire ai requisiti economico-finanziari e tecnici richiesti, si avvale regolarmente di un altro operatore, la società carpigiana Partlab.