MENU
Chiudi
25/08/2018

Non si presenta nessuno per la gestione del PalaPanini

Gazzetta di Modena

Braccio di ferro tra il Comune e Modena Volley, che ha scelto di non partecipare Ora si troverà allungata d'ufficio la concessione. Guerzoni: «Ma rifaremo la gara» bando deserto
Luca GardinaleMagari è stato un po' un azzardo - il rischio non era enorme, ma nemmeno a livello zero - ma evidentemente ne è valsa la pena, perché è ovvio che le condizioni del prossimo bando dovranno essere modificate (in peggio per il Comune, in meglio per il potenziale gestore). Fatto sta che nessuna società, a partire da Modena Volley, si è fatta avanti per il bando con il quale l'amministrazione comunale puntava ad assegnare il PalaPanini per i prossimi nove anni a partire da gennaio prossimo, quando scadrà la concessione decennale - allora si era trattato di un affidamento diretto - alla società del volley modenese. LE LINEE GUIDAUna concessione da 4,16 milioni, che il Comune, con le linee di indirizzo approvate nel maggio scorso in Consiglio, aveva vincolato all'obiettivo di «consolidare e valorizzare le funzioni attuali del PalaPanini, mantenendo la priorità dell'interesse pubblico». IL VINCOLOE soprattutto un bando fortemente vincolato alla storia di quel luogo: tra le richieste dell'amministrazione, infatti, c'era anche quella che il nuovo gestore elaborasse «un progetto di valorizzazione sportiva e marketing territoriale basato sui due filoni "Modena capitale del volley" e "Il grande volley gialloblu" che dovrà caratterizzare gli spazi addizionali inseriti nel perimetro del bando di gestione, la palestra ex Geesink e i locali dell'attuale Medicina dello sport». E se da una parte non è certo una rarità un bando a vuoto per il primo giro, dall'altra il Comune non ha nascosto un certo stupore per non aver visto l'offerta di Modena Volley al momento di aprire le buste, lunedì scorso. IL FUTUROUna situazione che potrebbe rientrare dunque con il prossimo bando a condizioni più favorevoli, ma che potrebbe aprire la strada a un braccio di ferro tra amministrazione e società: «Ora faremo un nuovo bando pubblico, come prevedono anche le norme - getta acqua sul fuoco l'assessore allo Sport Giulio Guerzoni - ma il Palapanini rimane la casa del volley modenese, questo non è mai stato in discussione. Per questa stagione problemi non ce ne saranno - assicura l'assessore - in attesa del nuovo bando, stiamo già valutando i contenuti di una proroga dell'attuale gestione per "coprire" tutta la stagione sportiva 2018-2019». Tornando all'assenza di offerte, Guerzoni fa notare che «è abbastanza comune che un bando, tra l'altro il primo mai realizzato per questo impianto, vada deserto. Certo, siamo rimasti un po' sorpresi, visto che ben due soggetti avevano espresso un interesse concreto, partecipando anche al sopralluogo previsto dalla procedura. Ora però ne discuteremo in giunta, già la prossima settimana, e valuteremo insieme le scelte strategiche da fare». L'assessore si dice quindi convinto, «come del resto ha deciso anche il Consiglio comunale con un mandato unanime, che una procedura pubblica per affidare la gestione dell'impianto per un congruo periodo di anni, così da poter garantire la possibilità di realizzare investimenti, rimanga la strada principale. Una strada che può consentire anche di realizzare interventi importanti di valorizzazione sportiva e marketing territoriale. Ovviamente - chiude Guerzoni - i contenuti del bando dovranno essere rivisti alla luce di questa esperienza». -- BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore