scarica l'app
MENU
Chiudi
04/06/2019

«Non diventi una burla»

Corriere della Sera - Massimo Franco

le riflessioni del premier
Non era scontato che Giuseppe Conte
mettesse la sua maggioranza davanti alle proprie responsabilità.

E che le consegnasse un avvertimento che sa di ultimatum, con un piglio sconosciuto. Ma il premier ha preso atto rapidamente che il suo ruolo è cambiato, dopo le Europee del 26 maggio. Non può più essere solo il garante del contratto scritto da Luigi Di Maio e Matteo Salvini. Da Palazzo Chigi, è obbligato a spingere M5S e Lega a ricalibrarlo, tenendo conto dei nuovi rapporti di forza. Altrimenti, è pronto a farsi da parte. Lui stesso non è in grado di dire come andrà a finire, ma non può fare altro. «Il governo del cambiamento», confida in privato, «non può diventare una burla...».


Conte è preoccupato dalle manovre della Lega, soprattutto. Timore fondato. Ieri sera una delegazione di vice ministri leghisti ha lanciato un contro ultimatum a Conte sul decreto sbloccacantieri: un gesto che rischia di prefigurare la crisi. Difronte a quelle insistenze per sospendere per due anni il codice degli appalti Conte ha detto basta: «La riunione finisce qui».


Ma il premier intravede anche in alcune pieghe del grillismo insidie alla stabilità. Pensa a quei settori del M5S che considerano il risultato delle Europee come pietra tombale su un anno di «governismo».


«Nessuno poteva prevedere il 17 per cento al M5S: è stato uno choc. E ci vuole un po' di tempo per riassorbirlo», ammette Conte. «Si pensava a un recupero, negli ultimi giorni di campagna elettorale. Fino al 22 per cento, o addirittura al 24. Il risultato è stato un colpo e una sorpresa difficili da digerire. Il pericolo, adesso, è la sovraeccitazione leghista per la vittoria, e la depressione eccessiva del Movimento». Per questo, da giorni il presidente del Consiglio accarezzava l'idea di un «messaggio al Paese». E dopo il voto, si è affrettato a farlo.


«Aiuterò tutti a capire che cosa vogliono. Si debbono assumere le loro responsabilità», è stato il suo mantra mentre la maggioranza gli si scioglieva sotto gli occhi. Vede sempre più che «a chiacchiere nessuno vuole rompere». Ma poi ha captato giochi torbidi, manovre opache, e si è convinto di non poterli assecondare, lasciando trasparire un'intesa solida con il Quirinale. Se qualcuno nella Lega e nel M5S lavora alla rottura, tanto varrebbe andare a votare a settembre, per poi avere un esecutivo in grado di fare la Legge finanziaria: è questa, la sfida sottesa alle parole pronunciate ieri pomeriggio in conferenza stampa.


Dal 26 maggio, il premier sa che il contratto non è più lo stesso: se non gli articoli, è cambiato lo sfondo psicologico. E il fronte grillino è il primo da rincuorare e ricompattare. Impresa eroica, anche per gli autogoal che la paura di altre sconfitte sta provocando, offrendo a Salvini ottimi pretesti. Ma se la maggioranza dovesse sopravvivere, Conte si ritaglia un ruolo di impulso, soprattutto nella trattativa con un'Europa che non è disposta a fare sconti all'Italia; e che osserva con preoccupazione il peggioramento dei conti pubblici provocato dalla coalizione gialloverde.


Quanto alla Lega, Palazzo Chigi può solo sperare di dissuadere il suo capo a compiere uno strappo dagli esiti favorevoli e scontati, almeno sulla carta. Con Salvini, la scorsa settimana Conte ha avuto circa due ore e mezza di colloquio. Hanno discusso con franchezza. E si è capito che il problema non sarà solo l'atteggiamento del vicepremier e ministro dell'Interno, ma le dinamiche nella Lega. Esistono pressioni forti a disdire il «contratto» con i grillini. E, in parallelo, si avverte l'incertezza sulle alleanze in caso di elezioni anticipate, osservate con golosità e rassegnazione crescenti.


Le Europee evocano un risultato vicino al 40 per cento, insieme con i Fratelli d'Italia di Giorgia Meloni e magari con la formazione embrionale del governatore della Liguria, Giovanni Toti, in uscita da Forza Italia. Ma, appunto, è un sogno alimentato dalle Europee. «Le Politiche, si è visto anche nel recente passato, sono un'altra cosa», si limita a osservare il premier. E l'assillo salviniano di andare all'incasso subito per scongiurare una «sindrome Renzi», il segretario Pd passato dal 40 e rotti per cento delle Europee del 2014 a meno della metà in quattro anni, potrebbe rivelarsi a doppio taglio.


Nei vertici di questi giorni, Conte ha messo in guardia sulla «sovraeccitazione» post- elettorale. Ci si chiede se Salvini si senta sicuro di sbancare il prossimo Parlamento e andare a Palazzo Chigi da premier: soprattutto se si accelerasse un aggravamento della situazione economica; e la sfida alla Commissione europea irrigidisse l'atteggiamento di Bruxelles verso l'Italia. Si materializzerebbe una vittoria, accompagnata da un pericoloso isolamento continentale. Ma il problema, ormai, è quale sia il male minore, rispetto al caos di oggi. Conte ha le spalle al muro. Con il piglio dei disperati, cerca di metterci anche gli alleati.


© RIPRODUZIONE RISERVATA

Il profilo

Il professor Giuseppe Conte è docente di Diritto privato all'Università di Firenze

Prima nella rosa dei possibili ministri del Movimento Cinque Stelle, è stato poi individuato come figura tecnica per guidare il governo «gialloverde», basato su un contratto di governo

Dal 1° giugno 2018 è presidente del Consiglio e si è ritagliato un ruolo di mediazione tra le due forze, M5S e Lega, che compongono l'esecutivo

Nel caso Siri, sottosegretario leghista accusato di corruzione, ha deciso per le dimissioni

~

Lo choc

Nessuno poteva prevedere il 17% al M5S. È stato uno choc, ci vuole tempo per riassorbirlo


La parola

logomachia

È la classica battaglia delle parole, che scoppia quando si attribuiscono significati diversi, quando non contrapposti, al medesimo termine. Il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha fatto ricorso a questo vocabolo quando ha parlato di «eccesso di verbosità, dei perenni e costanti conflitti comunicativi che pregiudicano la concentrazione sul lavoro». Un riferimento al continuo batti e ribatti tra Lega e M5S, e in particolare tra Matteo Salvini e Luigi Di Maio, che ha caratterizzato la campagna elettorale
per le Europee

La Costituzione

Articolo 95

Nella conferenza stampa di ieri a Palazzo Chigi il premier ha citato più volte questo articolo della Carta costituzionale. Una norma fondamentale per chi riveste il suo ruolo perché recita: «Il presidente del Consiglio dei ministri dirige la politica generale del governo e ne è responsabile. Mantiene l'unità di indirizzo politico ed amministrativo, promuovendo e coordinando l'attività dei ministri». Richiamando l'articolo 95, Conte ha voluto rimarcare il suo ruolo, ricordando che tocca a lui indirizzare e coordinare l'attività dell'esecutivo

~

Le responsabilità

Io aiuterò tutti

Ma si devono

assumere le loro responsabilità

Tutte le notizie di politica
con aggiornamenti in tempo reale, commenti, analisi, video e fotogallery