scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
13/03/2021

«Noi attivi per ben 47 anni Così si chiude un ‘ epoca»

La Prealpina

28
ASD Il presidente: «Il sindaco non dice quanto abbiamo investito»
GORLA MAGGIORE - «Si chiude un ' epoca sportiva senza precedenti, quella della Asd Gorla Maggiore»: attacca così il presidente della società Alberto Bernasconi dopo aver definitivamente chiuso un capitolo nei giorni scorsi, quando è stato smontato il campo di calcio di via Roma e sono state smontate persino le porte. «La storia dell ' Asd Gorla Maggiore nasce in via Roma, al civico 50, ben 47 anni fa - ricorda - Quel luogo ha visto crescere generazioni di gorlesi». Il tracollo è iniziato quando il Comune ha messo a bando la gestione del campo di calcio, bando a cui la società non ha partecipato e ora la gestione è stata affidata alla società vincitrice. Dodici squadre «Negli anni siamo cresciuti: contiamo 12 squadre, a partire dai bambini di 5 anni di età. Abbiamo raggiunto traguardi inimmaginabili - rivela il presidente - In questo contesto virtuoso lo sport è stato volano per finalità più grandi: dagli Amici del Calcio è nata l ' attività benefica della Festa della Birra. E nulla si costruisce senza adeguati sacrifici ed investimenti, anche economici. Che sotto la presidenza della nostra famiglia non sono mai mancati». Poi, le ultime vicende: «Secondo il bilancio depositato per l ' anno 2019, i costi della sola gestione del campo, utenze e manutenzione del terreno di gioco, hanno richiesto spese per 52.349,12 euro. Tra cui il canone di affitto per l ' utilizzo del campo d ' allenamento all ' oratorio, indispensabile per fronteggiare la carenza di spazi del nostro impianto. Cifre considerevoli, impegnate ancora prima di tirare un calcio al pallone». Passo in avanti? Entrando nel merito della vicenda che ha portato alla fine della lunga storia fra la società sportiva e il Comune, Bernasconi si interroga: «Ci chiediamo il motivo per cui il sindaco Pietro Zappamiglio abbia sempre omesso di riportare le spese da noi sostenute per la buona gestione, il mantenimento e l ' ordinaria manutenzione degli spazi comunali, limitandosi a sottolineare il contributo comunale di 29.900 euro come previsto dalle convenzioni stipulate». Il presidente della società di calcio chiarisce il motivo per cui non ha partecipato al bando: «Quali certezze conducono a credere che il nuovo bando di affidamento comporti un passo in avanti? È vero che l ' Asd Gorla Maggiore non ha presentato un ' offerta di partecipazione, ma i motivi non sono economici. Puntare sulla diminuzione dei contributi alle associazioni non produce alcun progresso, specie in un periodo di forte disagio come quello che stiamo vivendo; questo tempo richiederebbe coraggiosi investimenti a sostegno delle realtà associative consolidate sul territorio, in un contesto di sinergia tra pubblico e privato capace di riportare al centro il valore dell ' aggregazione giovanile». Veronica Deriu © RIPRODUZIONE RISERVATA