MENU
Chiudi
04/12/2018

No al massimo ribasso e più vincoli per le gare

Gazzetta di Reggio - Roberto Fontanili

Firmato il protocollo d'intesa tra Comune e sindacati per prevenire l'illegalità Vecchi: «Tutela dei diritti e del lavoro». Cgil e Cisl: «Manteniamo alta la guardia» appalti pubblici
Roberto Fontanili REGGIO EMILIA. Prevenzione contro l'illegalità è il concetto chiave del protocollo d'intesa - per l'attuazione della legge regionale 18-/206 - firmato ieri da Comune di Reggio e da Cgil, Cisl e con la Uil che lo sottoscriverà a breve. Il documento ha l'obiettivo di promuovere la legalità e di valorizzare cittadinanza ed economia responsabili, puntando su lavoro di qualità e la buona reputazione delle aziende che partecipano agli appalti pubblici. i criteri antiillegalitàNel protocollo si sottolinea in particolare l'impegno del Comune ad adottare, per l'aggiudicazione degli appalti, il criterio dell'offerta economicamente più vantaggiosa e non quella del massimo ribasso e a estendere l'applicazione del protocollo anche alle proprie aziende partecipate.Il documento, firmato nelle scorse settimane anche dalle organizzazioni datoriali reggiane, contiene linee di indirizzo per rafforzare ulteriormente il presidio sul tema della prevenzione e il contrasto a ogni tentativo di infiltrazione nell'economia legale da parte della criminalità organizzata.Lo strumento scelto è quello di utilizzare misure efficaci e coordinate per tutelare i diritti fondamentali del lavoro, il corretto funzionamento del sistema degli appalti, il contrasto all'evasione fiscale e contributiva, contro il caporalato, la corruzione e ogni attività economiche illegali. Appalti pubbliciIl protocollo si inserisce nel solco di altre iniziative come l'istituzione, a giugno 2018, della consulta della legalità. Nel settore degli appalti pubblici, terreno particolarmente sensibile, si prevede un rafforzamento nei bandi di gara dei requisiti qualitativi delle aziende che concorrono, valorizzando certificazioni aziendali quali il rating di legalità e l'iscrizione alle White List. Nel documento viene inoltre ribadita l'obbligatorietà dell'applicazione dei contratti collettivi nazionali di lavoro e di quelli territoriali da parte dei subappaltatori. Così come è prevista l'applicazione della clausola sociale, ovvero l'obbligatorietà da parte dell'azienda subentrante nell'appalto di garantire occupazione e le stesse condizioni contrattuali, ai lavoratori dell'azienda a cui è subentrata. I subappaltiViene infine ribadita la raccomandazione di ridurre il ricorso al subappalto. Il Comune s'impegna a rafforzare il sistema dei controlli e di verifica delle clausole contenute nei contratti di affidamento dei lavori pubblici.Il sindaco Luca Vecchi e il suo vice Matteo Sassi hanno sottolineato come «in una fase di ripresa economica e occupazionale sia fondamentale assicurare la qualità di questo sviluppo con particolare riferimento alla tutela dei diritti e alla sicurezza del lavoro». Ramona Campari della Cgil, Margherita Salvioli Mariani della Cisl, hanno invece rimarcato come «questo documento impegna tutte le parti a mantenere alto il livello di vigilanza, per evitare l'allargarsi delle infiltrazioni mafiose nel nostro territorio e nel mercato del lavoro, in una fase in cui la ripresa economica non è accompagnata da una maggiore qualità del lavoro». -- BY NC ND ALCUNI DIRITTI RISERVATI

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore