scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
01/06/2021

«No al borgo mangificio» Ai negozianti non piace il bando per il Rivellino

Il Tirreno - Giacomo Bertelli

per la vendita di prodotti alimentari confezionati
CERTALDO. È arrivata una richiesta di incontro sul tavolo del sindaco di Certaldo, Giacomo Cucini, da parte degli esercenti del borgo alto. Al centro dell'urgente richiesta c'è il nuovo bando legato all'immobile della torre del Rivellino, di proprietà comunale, che ospiterà, oltre ad attività di artigianato artistico, la libera vendita di prodotti alimentari confezionati, con esclusione di qualsiasi forma di somministrazione anche non assistita.Una scelta, quella già annunciata da parte dell'amministrazione comunale che ha scatenato la reazione degli esercenti del borgo alto, i quali si preparano ad incontrare nei prossimi giorni il sindaco.Va ricordato che il primo bando, promosso lo scorso marzo, è andato deserto e questo ha costretto l'amministrazione comunale a rivedere la stessa destinazione. E a pubblicare un secondo bando. Una valutazione ponderata, la quale, però una volta annunciata ha scatenato i commercianti i quali ritengono che il borgo alto abbia già innumerevoli attività legate al settore alimentare. Nel borgo alto ci sono infatti più di dieci attività di ristorazione ma il primo cittadino, Giacomo Cucini, cerca di fare chiarezza: «Avevo chiesto ai commercianti qualche giorno di attesa, stavamo seguendo l'apertura del punto vaccinale. In ogni caso non potrà nascere un bar o una enoteca. Abbiamo discusso in merito alla idoneità di questo luogo e in questo momento nel borgo alto non ci sono attività con i soli prodotti alimentari confezionati. Sperimenteremo un nuovo servizio e non vogliamo danneggiare le attività che ci sono». Nell'immobile in questione il Comune ha investito 68mila euro per la ristrutturazione, una somma ammortizzata in parte da un finanziamento regionale di 37mila euro. Oltre ai prodotti alimentari confezionati, l'immobile potrà ospitare attività di artigianato artistico con vendita di quanto prodotto limitatamente a cuoio e pelletteria, pittura e disegno, legno e affini, metalli, pietra e lavorazioni affini, metalli pregiati, pietre preziose, pietre dure e lavorazioni affini, strumenti musicali, tessitura, ricamo e affini, vetro, ceramica e affini, carta e lavorazioni affini, sartoria, maglieria e modisteria. Nei prossimi giorni è previsto un altro incontro fra i cittadini del borgo alto e l'amministrazione comunale di Certaldo per parlare di temi anche più generali, rispetto alla stagione turistica. Ha fatto molto discutere una cartina di servizio, in italiano e in inglese, dove si indicano le aree parcheggio a coloro che sostano nel paese di Certaldo. Si tratta di cartine in mano alle strutture ricettive che necessitano di un sostanziale aggiornamento per essere più comprensibili. Anche su questo aspetto il sindaco risponde: «Stiamo mettendo in campo una nuova cartellonistica, con particolare attenzione ai non abili, e siamo pronti a recepire le indicazioni che ci arriveranno da chi vive il borgo tutti i giorni». --Giacomo Bertelli© RIPRODUZIONE RISERVATA