scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
08/07/2021

«Nessuna operazione illecita I subappalti sono effettivi» L’avvocato Pasquinelli, che assiste gli impresari arrestati, annuncia: «Presto il ricorso al Riesame». Intercettazione choc sui dipendenti «È positivo, speriamo che muoia» la difesa

Il Secolo XIX - T. iV.

«Nessun operazione fittizia e tantomeno vantaggi fiscali e contributivi. I subappalti sono effettivi e alla luce del sole: le società subappaltatrici hanno circa 150 dipendenti. Proporremo riesame». L'avvocato Matteo Pasquinelli - che difende i fratelli Maurizio e Roberto Russo, gli imprenditori del settore navale arrestati ieri (ai domiciliari) dalla Guardia di finanza - ha le idee chiare. La roadmap è già segnata: interrogatorio di garanzia, poi, dopo la lettura della prima discovery documentale, ricorso al tribunale del Riesame. Pasquinelli ritiene che le contestazioni ai suoi clienti non siano fondate. E annuncia che, presto, la vicenda sarà raccontata da un altro punto di vista. Ci sono però elementi che, così come sono riportati nelle carte giudiziarie, appaiono pesanti, sono documentati pure insulti ai lavoratori. Nell'ordinanza di custodia cautelare, firmata dal giudice Mario De Bellis, è riportata una conversazione tra Maurizio Musso e il figlio (non indagato) intercettata dai finanzieri del Gruppo. È il 15 ottobre 2020 quando i due discutono di un operaio della Global Painting, realtà che sulla carta è gestita dal presunto prestanome Nicola Boccarossa e che quindi non dovrebbe riguardare i Russo. «Eh papà, scusami, ti volevo dire che la Asl ha avvisato il cantiere che S. di m...ha il coronavirus», dice il ragazzo. Maurizio Russo: «Porco cane». Figlio: «Allora lui era con R., cosa faccio, chiedo a R. e cerco di circoscrivere?». Maurizio Russo: «Sì, sì, cerca di circoscrivere». Figlio: «Eh veniva il pomeriggio, no? Quindi chi chiamo, N.?». Maurizio Russo: «Ma è positivo?». Figlio: «Sì, sì, è positivo, poi ha il diabete, speriamo che muoia». Il Secolo XIX ha contattato gli avvocati degli altri indagati - Lorenzo Brunetto è assistito da Andrea Corradino, Boccarossa da Fabio Sommovigo e Ignazio Sabatino; Roberto Giangrandi da Valentina Antonini - ma nessuno di loro, almeno per ora, ha voluto commentare in alcun modo la vicenda. --T. iV.© RIPRODUZIONE RISERVATA