scarica l'app
MENU
Chiudi
15/09/2018

Nessuna offerta valida, deserta la prima gara d’appalto per costruire il palasport

QN - Il Resto del Carlino

GUASTALLA L'UNICA PROPOSTA ESCLUSA PERCHÈ PRIVA DELLE CARATTERISTICHE NECESSARIE, ORA SI DOVRÀ FARE UN NUOVO BANDO
- GUASTALLA - SERVIRÀ una nuova gara d'appalto per costruzione e gestione del futuro palazzetto dello sport di Guastalla. Ieri è stata emessa una determina dirigenziale del settore Lavori pubblici e patrimonio che prende atto come la prima gara sia andata deserta. Il progetto è quello approvato in consiglio comunale il 17 luglio scorso, per un importo complessivo di 3,250 milioni di euro. Il Servizio unico appalti dell'Unione Bassa Reggiana ha approvato i documenti di gara, che prevedeva la presentazione delle offerte entro il 10 settembre. Ma «alla scadenza del termine non sono pervenute - si legge nella determina - offerte ammissibili, come da verbale della seduta dell'11 settembre». Entro i termini stabiliti nel bando è pervenuto un solo plico «e a seguito di apertura della seduta e all'apertura del plico e della busta contenente la documentazione amministrativa, è stato escluso senza possibilità di soccorso istruttorio perchè privo di sufficiente qualificazione per la categoria di lavori in questione». Dunque, con determina 409 dell'11 settembre, il Servizio unico appalti ha dichiarato la gara «deserta per mancanza di offerte ammissibili». Si tratta di un ulteriore ostacolo al progetto, di cui si parla ormai da decenni, senza mai concretizzarlo in modo adeguato. Ora cosa succede? Lo spiega la stessa determina dirigenziale emessa nei giorni scorsi: «Si dà atto che, in conseguenza dell'esito negativo, si procederà a valutare e definire con atto successivo le modalità e la procedura di gara», scrive il responsabile di settore, l'ing. Stefano Valenti. Il nuovo palasport è previsto in un'area tra via Sacco e Vanzetti e la ferrovia, a Pieve. a.le.