scarica l'app
MENU
Chiudi
25/07/2020

Nel parco di San Gavino si completa la recinzione

La Nuova Sardegna - DI Gavino Masia

Assegnati i lavori per il terzo lotto dell'intervento all'impresa Tilocca di Burgos Operazione da quasi 185mila euro: così l'intera area diventerà più sicura
DI Gavino MasiawPORTO TORRESSono cominciati nei giorni scorsi i lavori per la realizzazione del terzo stralcio della recinzione del parco di San Gavino. Esattamente un anno fa erano state infatti aperte le buste con le offerte della gara d'appalto pubblica - espletata attraverso il mercato elettronico Sardegna Cat - e dopo le verifiche di rito delle procedure previste dalle normative sugli appalti i lavori sono stati assegnati alla ditta Tilocca di Burgos che ha presentato la migliore offerta. L'importo di aggiudicazione a base d'asta è di 184mila e 784 euro. Si tratta di interventi importanti per completare finalmente la recinzione nel tratto mancante dell'area verde di fronte alla monumentale chiesa romanica. Un parco realizzato tanti anni fa nel bel mezzo del centro cittadino e diventato nel tempo meta quotidiana delle mamme che portano i loro bimbi a giocare. Negli ultimi mesi quell'area baricentrica era però presa troppo spesso di mira dai vandali, che approfittavano purtroppo dell'assenza di qualcuno che provvedesse alla sua chiusura per rompere i giochi e bivaccare in mezzo al verde. L'amministrazione comunale ha quindi messo a disposizione fondi di bilancio per la recinzione, così da rendere sicuramente più decoroso e accogliente il parco di San Gavino ai cittadini e ai visitatori della Basilica. Il progetto, redatto dall'architetto Paolo Gavino Satta, prevede la rimozione della siepe addossata all'attuale recinzione in rete e di quella nella zona su cui è prevista la realizzazione del portale d'ingresso. Il tutto per la necessità di non posizionare lo stesso ingresso a ridosso del marciapiede e per creare uno slargo così da rendere più fruibile e agevole l'ingresso al parco. Nel progetto è prevista anche la pavimentazione dello slargo antistanti gli ingressi pedonale e veicolare del parco. Spazi che saranno pavimentati con pietrini in cemento, analoghi a quelli già esistenti nei marciapiedi. Tra gli interventi previsti c'è dunque la realizzazione di un nuovo ingresso e di una recinzione nel tratto antistante piazza Marconi e Largo Sabelli, analoga a quella già presente lungo la via Sassari. E verrà inoltre realizzato un muretto in calcestruzzo rivestito in mattoni sabbiati "faccia a vista", con una recinzione in ferro zincato e un ingresso con portale ad arco simile agli accessi presenti in via Sassari e via Manno. Il progetto esecutivo risale al 2012 e l'amministrazione di allora non lo aveva mai mandato in gara d'appalto. Per quanto riguarda i tratti restanti del parco da delimitare su Largo Sabelli e su via Tola l'amministrazione comunale farà affidamento sul finanziamento da 500mila euro della Rete Metropolitana. Si tratta di somme erogate dalla Regione: per farle proprie la giunta comunale ha approvato una delibera di avvalimento che permette di utilizzare direttamente i fondi regionali, senza passare attraverso gli atti della Rete. ©RIPRODUZIONE RISERVATA