scarica l'app
MENU
Chiudi
17/11/2020

Negozi in crisi Il Comune proroga il bando

La Provincia Pavese - f.m.

Riproposte le opportunità destinate all'area del Duc Per i commercianti ci sono 100mila euro messi dal Comune e 300mila regionali finanziamenti
paviaL'amministrazione comunale, per sostenere ulteriormente la ripresa dell'economia cittadina, ha disposto la riapertura dei termini del bando per la concessione di contributi a fondo perduto alle imprese del Duc, il Distretto urbano del commercio che coincide, sostanzialmente, con il centro storico.a chi vanno i soldiI contributi andranno alle micro, piccole e medie imprese del commercio, della ristorazione, del terziario e dell'artigianato dell'area del Distretto urbano del commercio di Pavia.I fondi verranno erogati nell'ambito del bando regionale "Distretti del Commercio per la ricostruzione economica, territoriale, urbana". La cifra messa a bando dal Comune è di 100 mila euro. Le domande di contributo dovranno essere presentate, nel rispetto delle condizioni e dei requisiti del bando originario, entro le ore 24 del 28 novembre 2020, secondo le modalità previste al punto C1 del nuovo bando (pubblicato sul sito istituzionale del Comune di Pavia, www.comune.pv.it).«Non va sprecato neanche un centesimo. - ha dichiarato l'assessore al Commercio e Politiche Economiche, Roberta Marcone - Questa somma può costituire un aiuto importante per chi si trova in difficoltà e abbiamo deciso di riaprire immediatamente i termini del bando Duc per renderla disponibile. Invito chiunque ne abbia diritto a partecipare e a contattare i miei uffici per maggiori informazioni. Siamo qui per voi». «È un contributo di cui le realtà del Distretto urbano del commercio potranno giovarsi. - ha concluso il sindaco di Pavia, Fabrizio Fracassi - Aggiungo che la prossima settimana verranno illustrati ulteriori interventi a favore dell'economia, e in particolare delle periferie. Il centro è la vetrina della città e va giustamente salvaguardato, ma Pavia è tutti i suoi quartieri. Stiamo per varare un piano che pensa soprattutto a chi non ha potuto accedere ai contributi del Duc».misure per la sicurezzaL'obiettivo è favorire nuove attività e la ripresa di quelle interrotte, ad esempio con fondi rivolti ad adeguamenti strutturali per rispondere alle nuove esigenze di sicurezza e protezione della collettività e dei singoli consumatori, oppure l'organizzazione di servizi di logistica, trasporto e consegna a domicilio e di vendita online. Criterio indispensabile, mantenere inalterata (e non cedere) per almeno cinque anni la destinazione d'uso dei beni, opere ed immobili rispetto ai quali è stato concesso il contributo. Il denaro (ci sono anche 170milal euro della Regione) sarà erogato in un'unica soluzione, ma con due tipi di modalità differenti: entro due mesi dalla domanda per le imprese che avranno già documentato le proprie spese, oppure entro 60 giorni dalla data di presentazione della rendicontazione finale, per le imprese ( che sosterranno e documenteranno le spese entro il 31 marzo. --f.m.