scarica l'app Telemat
MENU
Chiudi
20/03/2021

Negozi, bar e ristoranti: un milione dal Comune

QN - La Nazione

PRATO Un milione di euro per le attività di commercio, ristorazione, servizi e turismo che hanno subìto chiusure o ingenti perdite a causa della pandemia; 250mila euro per i circoli e 300mila euro per le società e associazioni sportive. Sono i ristori messi in campo dal Comune per cercare di sostenere il tessuto economico, sociale e sportivo della città. La fetta più grande dei contributi riguarda il mondo delle imprese. Si va dai bar ai ristoranti, dalle palestre al settore turistico: il requisito di partecipazione principale sarà quello di avere subìto perdite in bilancio a causa della pandemia (chiusure obbligatorie comprese). Il Comune si attende una pioggia di domande di contributi. Per questo ha deciso di predisporre un bando corposo dal punto di vista economico, così da aiutare piccoli imprenditori, artigiani e commercianti a pagare le bollette, a sostenere le spese degli affitti o ad adeguare l'attività alle normative anticovid. Il provvedimento è stato concertato assieme alle associazioni di categoria (che però chiedono al Comune uno sforzo aggiuntivo sul fronte dei pagamenti dei tributi locali) e il bando dovrebbe essere pubblicato per fine aprile, subito dopo l'approvazione del bilancio preventivo. All'inizio in Comune c'era un po' di preoccupazione sull'erogazione diretta nelle tasche di commercianti e imprenditori di contributi, ma poi l'incertezza è stata superata dai chiarimenti normativi arrivati da Roma sugli aiuti di Stato. Per fine aprile il Comune pubblicherà anche il bando per gli aiuti al movimento circolistico. Si tratta di 250mila euro destinati ad associazioni che svolgono un ruolo di presidio sociale in città. Il requisito in questo caso sarà quello di essere affiliati a una delle sigle riconosciute a livello circolistico, come Arci, Acli, Mcl o Anspi solo per citarne alcune. Ogni circolo dovrà attestare la perdita subìta a seguito della chiusura disposta dal governo. E comunque il rimborso non potrà mai essere superiore a quanto perso durante questi mesi di covid. Il testo completo è in fase di stesura, nei prossimi giorni ci dovrebbe essere un incontro conclusivo fra il sindaco e i rappresentanti dei vari movimenti circolistici per confezionare definitivamente il bando. I primi contributi a essere erogati saranno invece quelli per le società e associazioni sportive. Dopo Pasqua partiranno i bonifici sui conti correnti delle 80 società che hanno partecipato al bando da 300mila euro in favore del mondo dello sport. Gli uffici comunali stanno ultimando le verifiche sulle documentazioni (in molti casi si sono rese necessarie delle integrazioni perché mancavano dei fogli). A ogni società sarà dato un contributo di partenza di 500 euro. Il resto dei fondi verrà suddiviso in base al numero dei tesserati di ogni associazione sportiva. Stefano De Biase © RIPRODUZIONE RISERVATA