MENU
Chiudi

Mose, partono i cantieri all’Arsenale «Illegittimi, il Comune li blocchi»

14/03/2018

Corriere del Veneto

Primi operai di Mantovani al lavoro. Arrestato Astaldi, presidente di Condotte I comitati Il piano regolatore prevede solo navi Zaia La Regione non farà la manutenzione
Il verbale di consegna finalmente è stato firmato e da alcuni giorni una decina di operai di Mantovani sono al lavoro all'Arsenale. Dopo la tanto tribolata trattativa tra l'azienda e il Consorzio Venezia Nuova, la situazione si è sbloccata e i nuovi cantieri sono partiti. Nell'arco di un anno e mezzo Mantovani dovrà infrastrutturare l'Arsenale Nord per ospitare in futuro la manutenzione delle paratoie del Mose: in particolare, dovrà essere realizzato un maxicapannone di 130 metri per 50, con impianti e opere collegate, per un totale di 22 milioni di euro di investimenti. Soldi che daranno un po' di respiro all'impresa, che negli ultimi mesi ha avuto un duro scontro con i commissari Giuseppe Fiengo e Francesco Ossola per far valere i propri crediti: la pretesa è di circa 40 milioni di euro, di cui 17 sono già stati oggetto di un decreto ingiuntivo chiesto e ottenuto dal tribunale di Venezia, ma poi appellato dal Cvn. Quei lavori dell'Arsenale facevano parte dell'accordo firmato in Prefettura lo scorso 21 dicembre, che prevedeva 35 milioni di nuovi cantieri per il 2018. L'accordo aveva poi subito uno stop per l'opposizione di Ossola ed era servito un nuovo incontro a Ca' Corner l'1 febbraio per farlo ripartire. Ora, dopo un altro mese e mezzo di trattative e verifiche, si parte. Ma il via ai lavori è anche un via alle polemiche di chi fino all'ultimo aveva cercaVENEZIA to di opporsi all'ipotesi che buona parte dell'Arsenale diventasse la «fabbrica del Mose». E così ieri, saputo dell'avvio dei lavori, alcune associazioni ambientaliste e non solo - Venezia Cambia, Italia Nostra, Eco Istituto e Forum Futuro Arsenale - hanno scritto una lettera ai dirigenti comunali Barbara Vio (controlli amministrativi di secondo livello) e Carlo Salvatore Sapia (controllo del territorio) per segnalare che, a loro parere, quel piano è in contrasto con la destinazione urbanistica prevista: il piano regolatore, infatti, prevede all'Arsenale Nord la «cantieristica» e secondo le associazioni questo significa che si possono realizzare solo navi. Nella lettera citano anche una nota del 2006 dell'allora sindaco Massimo Cacciari, che già poneva la questione al Magistrato alle Acque, e sottolineano come non siano state comparate le «ragionevoli alternative» come previsto dalle norme sugli appalti. «Se tale situazione di illegittimità risulta confermata, si chiede di intervenire per impedire l'avvio alla realizzazione del progetto», si conclude la lettera. Le associazioni da anni propongono lo spostamento della manutenzione a Marghera, alla cosiddetta «Isola 46». A gettare nuove tensioni sui lavori è arrivato anche, seppur per una vicenda che con il Mose non c'entra nulla, l'arresto di Duccio Astaldi, presidente di Condotte, uno dei tre «big» del Cvn con Mantovani e Grandi Lavori Fincosit. Ieri mattina, su ordine del gip di Messina, Astaldi è stato posto agli arresti domiciliari nell'ambito dell'inchiesta su una presunta tangente per alcuni lotti dell'autostrada SiracusaGela. Astaldi era già stato indagato per reati fiscali nella prima tranche dell'inchiesta Mose e di nuovo nell'ultimo troncone che riguarda le «creste» sui cassoni di Chioggia. «Condotte ribadisce la limpidezza e la linearità del proprio operato - ha affermato ieri la società in una nota - Nell'attesa dei necessari accertamenti, resta la normale operatività». Ieri inoltre il governatore Luca Zaia ha ribadito che la Regione non ne vuole sapere delle manutenzioni del Mose: «Non si pensi che siamo il soggetto in grado di garantire gli oneri, che oscillano tra gli 80 e i 100 milioni l'anno». Alberto Zorzi

La vicenda

● Una delle imprese principali del Consorzio Venezia Nuova, il pool che sta costruendo il Mose, è la Mantovani, che nei mesi scorsi ha attraversato una grande difficoltà finanziaria ● Al termine di una lunga e complessa trattativa, il Cvn ha assegnato a Mantovani i lavori per trasformare l'Arsenale nella fabbrica della manutenzione delle paratoie. Nei giorni scorsi i lavori, 22 milioni di euro, sono stati assegnati ● Il Mose è un sistema di 78 paratoie per salvare Venezia dall'acqua alta. In tutto costerà 5,5 miliardi di euro

14 Mar
Il Fatto Quotidiano - SAUL CAIA M E S SI NA Lavori pubblici Corruzione per l ' appalto della Siracusa-Gela, ai domiciliari il capo di Condotte Spa [...]
14 Mar
Gazzetta del Sud L ' ordinanza di custodia cautelare siglata dal giudice Salvatore Mastroeni «Mera spregiudicatezza, basata evidentemente su un [...]

Richiedi una prova gratuita

Compila il form per ricevere gratis e senza impegno tutte le gare profilate per il tuo settore